Cospito ha riavuto libri e appunti, erano stati controllati

Coinvolti parenti di detenuti, collegamenti con narcos in Spagna
Coinvolti parenti di detenuti, collegamenti con narcos in Spagna
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 05 FEB - Ha riavuto i suoi libri e i suoi scritti Alfredo Cospito, da lunedì scorso in cella nel centro clinico del carcere milanese di Opera per via delle sue condizioni fisiche dovute allo sciopero della fame che sta portando avanti da 109 giorni per protestare contro il 41bis. Condizioni che se dovessero peggiorare renderanno necessario il suo trasferimento nel reparto di medicina penitenziaria dell'ospedale San Paolo. Gli appunti, in cui ha messo nero su bianco alcuni suoi pensieri, e i libri che aveva con sé quando è arrivato dall'istituto di massima sicurezza Bancali di Sassari, da quanto si è saputo, gli sono stati restituiti l'altro ieri o addirittura giovedì dopo un 'controllo' da parte degli agenti di polizia penitenziaria per via della censura prevista dalla normativa. Intanto lui prosegue a rifiutare cibo e integratori e ad andare avanti ad acqua e sale e zucchero. Scelta che rende sempre più concreta l'ipotesi di un ricovero ospedaliero che avverrà quando i medici del Servizio di Assistenza Integrata, ossia il centro clinico di Opera, stabiliranno che il suo quadro clinico richiede un monitoraggio e un'assistenza che il carcere non può assicurare. Inoltre è sempre convinto di far valere la sua volontà, in caso di un peggioramento, di non essere alimentato artificialmente. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Orban apre la campagna elettorale di Fidesz: "In Ucraina Bruxelles gioca col fuoco"

Iran-Israele, il conflitto è diretto: il pericolo di missili, raid e arsenali nucleari

New York, uomo si dà fuoco davanti al tribunale del processo a Donald Trump