Nuovo stop metro Roma, "binario rotto aveva più di 40 anni"

Gualtieri, "li stiamo cambiando tutti". Ancora caos e disagi
Gualtieri, "li stiamo cambiando tutti". Ancora caos e disagi
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 27 GEN - Ancora disagi e caos stamani per gli utenti della linea A della metropolitana di Roma. Il servizio è stato interrotto per circa due ore, tar le 10.30 e le 12,30, tra le fermate della stazione Termini e quella di via Ottaviano, non lontano dal Vaticano, per un intervento tecnico su una rotaia. Sono stati subito attivati i servizi sostitutivi di superficie. Il sindaco di Roma Roberto Gualtieri ha fatto un sopralluogo alla stazione Metro A Lepanto dove si è verificato il guasto. "Parliamo di un binario del '79 entrato in funzione dal 1980, mai mantenuto. È in condizioni disastrose. Le risorse erano ferme dal 2017, noi le abbiamo sbloccate iniziando i cantieri a luglio. Stiamo cambiando tutti i binari per questo che la metro da luglio a dicembre '23 chiude alle 21", ha spiegato Gualtieri. Martedì scorso romani e turisti hanno vissuto un'altra mattinata di passione sulla metro A. Per un guasto elettrico, dovuto ad infiltrazioni d'acqua e alla più generale vetusta dell'infrastruttura, il servizio si è bloccato su metà del tracciato, tra le fermate della stazione Termini e quella di Battistini, il capolinea al quartiere Aurelio. Inevitabili i disagi e il caos per migliaia di passeggeri, con ripercussioni anche sul traffico cittadino. Il guasto, nei pressi della stazione Lepanto, si è verificato alle 6 e lo stop del servizio si è protratto per 5 ore fino a oltre le 11 del mattino. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stati Uniti: la Camera approva gli aiuti all'Ucraina per 61 miliardi di dollari

Gaza: Erdoğan incontra Ismail Haniyeh e il ministro degli Esteri egiziano a Istanbul

Migranti, i Paesi europei del Mediterraneo chiedono cooperazione e nuovi fondi