EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

'Diamante sostituito con falso', figlia di Caprotti in Procura

Vale 3,5 milioni. Si indaga su 'mistero', ipotesi furto o truffa
Vale 3,5 milioni. Si indaga su 'mistero', ipotesi furto o truffa
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 13 GEN - Un diamante del valore stimato di circa 3 milioni e mezzo di euro sostituito con uno falso e una denuncia da parte di chi possedeva quella pietra preziosa, ossia Violetta Caprotti, figlia di Bernardo, lo storico fondatore dei supermercati Esselunga, morto nel 2016. È questo il mistero, forse un furto oppure in altra ipotesi una truffa, su cui stanno lavorando gli inquirenti milanesi che da mesi hanno aperto un'inchiesta per arrivare a scoprire chi si è portato via quel diamante di così grande valore. Stamani negli uffici della Procura di Milano è stata sentita proprio Violetta Caprotti, accompagnata al Palazzo di Giustizia dai suoi legali, come testimone e denunciante. Stando a quanto si è potuto ricostruire riguardo ad un'indagine che viaggia sotto traccia almeno dalla primavera scorsa, coordinata dal 'pool truffe' e condotta dalla polizia giudiziaria della Procura, Violetta Caprotti aveva portato il diamante, incastonato in un anello, dal rivenditore perché voleva sostituire la montatura. I responsabili del negozio, però, l'hanno contattata per dirle che la pietra era falsa. L'indagine sarebbe nata proprio da un contenzioso tra Violetta Caprotti e il rivenditore che, tuttavia, ha sempre sostenuto che quel diamante era arrivato in negozio già falso. Gli inquirenti ora stanno indagando per capire quando sia stato sostituito con un 'fake' e da chi. Pare che le uniche certezze in questa vicenda al momento siano due: la figlia di Caprotti possedeva una pietra indubbiamente vera, mentre quella che le è rimasta in mano, ad un certo punto, è un falso. Il fascicolo allo stato risulta a carico di ignoti e si indaga anche per sapere se si sia trattato di una truffa o di un furto. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Grecia respinge le accuse di brutalità contro i migranti, inclusi i presunti abbandoni in mare

Serbia, si torna a discutere di un'enorme miniera di litio di Rio Tinto a Jadar

Le notizie del giorno | 17 giugno - Serale