Presunta evasione Booking: pm Genova interrogheranno indagati

Via libera per l'indagine dalla procura olandese
Via libera per l'indagine dalla procura olandese
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - GENOVA, 23 DIC - Il procuratore aggiunto di Genova Francesco Pinto e il sostituto Giancarlo Vona potranno interrogare i due indagati nell'ambito dell'inchiesta sulla presunta maxi evasione da 153 milioni messa in piedi da Booking, la piattaforma on line che gestisce tra l'altro l'affitto di case. I pm italiani hanno ricevuto il via libera per l'ordine di indagine europea dalla procura olandese. Oltre ai due indagati per evasione fiscale, i dirigenti del colosso delle prenotazioni on line Olivier Bisserier, in carica fra il 2013 e 2019, e Marcela Martin, che ha ricoperto l'incarico tra il 2019 e 2020, verranno sentite altre cinque testimoni come persone informate dei fatti. I magistrati italiani potranno anche controllare tutta la documentazione richiesta. Le indagini del primo gruppo della guardia di finanza genovese, partite nel 2018, sono state rese particolarmente difficili per la scarsa collaborazione delle autorità straniere. Adesso i pm Pinto e Vona vogliono capire come Booking abbia, in passato, gestito l'acquisizione di notizie relative ai propri clienti privi di partita Iva per comprendere se gli stessi rivestissero la qualifica di imprenditori e poi se, dopo l'avvio dell'inchiesta e in particolare dal 2020, il colosso olandese abbia adottato un modello organizzativo che eviti le distorsioni del passato provvedendo a fatturare ai privati non imprenditori con regolare applicazione dell'Iva. Dall'indagine era emerso "come la società olandese era solita emettere fatture senza Iva applicando il meccanismo del 'reverse charge' anche nei casi in cui la struttura ricettiva era priva della relativa partita, con la conseguenza che l'imposta non veniva dichiarata né versata in Italia". I militari hanno consultato le banche dati e fonti aperte e con i dati messi a disposizione dalla multinazionale e relativi alle commissioni applicate a 896.500 posizioni di clienti in Italia si è ricostruito un fatturato per un ammontare di circa 700 milioni; su tale importo la società avrebbe dovuto procedere alla dichiarazione annuale Iva e versare nelle casse erariali oltre 153 milioni di imposta. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mar Rosso: nave italiana abbatte un drone degli Houthi, preoccupa la Rubymar

Stati Uniti: Trump vince le primarie dei repubblicani in tre Stati in un solo giorno

Svizzera: referendum per la riforma delle pensioni, urne aperte