EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Perù in rivolta per la liberazione del deposto presidente Castillo

frame
frame Diritti d'autore frame
Diritti d'autore frame
Di euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Almeno 20 morti negli scontri con la polizia. La Corte Suprema dispone per il capo dello Stato agli arresti una detenzione preventiva per 18 mesi

PUBBLICITÀ

Nemmeno il coprifuoco ha fermato in Perù la rivolta dei sostenitori del deposto presidente Pedro Castillo, che continuano a manifestare chiedendone il rilascio.

La forte repressione della polizia ha portato in diverse località del paese a scontri, che hanno causato almeno 20 morti e numerosi feriti. Diverse decine di manifestanti sono finiti agli arresti.

I manifestanti accusano la vice di Castillo, Dina Boularte, ora capo dello stato a interim, di stare coprendo un colpo di stato.

Boularte, che in un primo momento aveva assicurato di voler restare al governo fino al 2026, cedendo alle pressioni della piazza, ha dovuto promettere elezioni anticipate nel 2023.

Intanto la Corte suprema ha stabilito che Castillo potrà legalmente restare in carcere per 18 mesi in regime di detenzione preventiva nell'attesa del compimento delle indagini.

Il deposto presidente è accusato di ribellione e sedizione, per aver tentato di sciogliere il parlamento alla vigilia di un voto di impeachment ai suoi danni.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Polveriera Perù: ancora scontri tra manifestanti e Polizia, 17 morti

Perù: rimpasto di governo per placare le proteste. Ma i peruviani vogliono le elezioni

Pakistan: tre morti e venti feriti in un attacco durante una marcia per la pace