Morto l'ultimo Salgari, discendente dello scrittore

Romero, pronipote, viveva a Montà d'Alba (Cuneo)
Romero, pronipote, viveva a Montà d'Alba (Cuneo)
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TORINO, 11 DIC - È morto Romero Salgari, pronipote dello scrittore Emilio e ultimo discendente a portare il cognome della famiglia. Aveva 63 anni e viveva a Montà d'Alba in provincia di Cuneo, dove si terranno domani i funerali, come da annunci funebri diffusi in paese, che confermano la segnalazione del decesso dell'ufficio stampa di Concita Occhipinti. L'uomo, malato da tempo, è deceduto sabato 10 dicembre all'ospedale di Verduno. Portava lo stesso nome di suo nonno, il terzogenito del celeberrimo autore di romanzi d'avventura, creatore di Sandokan e del Corsaro nero. Una storia travagliata, quella della famiglia di origini veronesi, fin dal suicidio di Emilio avvenuto a Torino nel 1911. Altre tragedie avrebbero segnato l'esistenza dei suoi cari, alimentando la leggenda nera attorno al nome dei Salgari: la morte della figlia Fatima nel 1914, uccisa dalla tubercolosi a 24 anni, quella della moglie Ida in manicomio nel 1922, infine quelle dei figli Romero (suicida come il padre, nel 1931, dopo aver cercato di assassinare la moglie, il figlio Mimmo e il cognato) e Nadir, vittima di un incidente in moto nel 1957. L'ultimo figlio superstite, Omar, si sarebbe a sua volta tolto la vita nel 1963. Sopravvissuto alla follia del genitore, Mimmo Salgari si era trasferito nel paese del Roero e aveva avuto due figli, Romero junior e Patrizia. Nel 1984, ventiquattrenne, il giovane Romero era salito alle cronache per l'omicidio di una postina in pensione, la 72enne Lucia Valsania: un gesto assurdo, seguito anche nel suo caso da un tentativo di suicidio. Era stato riconosciuto infermo di mente e internato per alcuni anni. Poi era tornato a vivere in paese con la madre Anna, scomparsa un paio d'anni fa. Sia lui che la sorella (venuta a mancare nel 2008 per un male incurabile) avevano continuato a preservare l'eredità letteraria del bisnonno, presenziando a eventi e intitolazioni. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni europee, tutto quello che c'è da sapere per andare alle urne informati

Usa, l'ex vicepresidente Pence: "Io contro l'isolazionismo, dobbiamo sostenere gli alleati"

Le notizie del giorno | 22 aprile - Serale