EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

La diaspora angolana nelle Americhe, tra memoria e nuove opportunità

La diaspora angolana nelle Americhe, tra memoria e nuove opportunità
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Chris BurnsDinamene Cruz
Pubblicato il
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dal Brasile a Cuba agli Stati Uniti: si stima che ci siano almeno 12 milioni di americani di origine angolana, un potenziale enorme basato su identità e patrimonio comune. In collaborazione con Governo de Angola

PUBBLICITÀ

Il governo dell'Angola ha adottato una strategia di sviluppo turistico ed economico incentrata sulla diaspora angolana nelle Americhe. Dal Brasile a Cuba agli Stati Uniti: si stima che ci siano almeno 12 milioni di americani di origine angolana negli Stati Uniti, un potenziale enorme basato su identità e patrimonio comune. 

Nel corso dei secoli milioni di angolani sono stati costretti a lasciare il loro Paese d'origine per essere trasportati nelle Americhe e venduti com schiavi. Afonso Vita, studioso di geografia umana, è specializzato nella tratta degli schiavi. Lo abbiamo incontrato a Lisbona, luogo di passaggio di molti schiavi provenienti dall'Angola.

"L'Angola è uno dei Paesi africani che ha perso più uomini, donne e bambini durante la tratta degli schiavi - dice Vita -. Ci sono molti luoghi in cui si trovano ancora tracce del traffico transatlantico". La tratta degli schiavi era un'attività che fioriva in Angola e in Portogallo. Vita ha ricostruito il percorso attraverso cui gli schiavi venivano condotti alle navi. Partiva da piazze note come pelourinho. "I pelourinho erano spazi dove venivano collocati gli schiavi all'epoca della schiavitù - dice Vita -. Qui venivano maltrattati, venduti e puniti nel caso facessero qualcosa di sgradito agli occhi del colonizzatore.

Paesi di tutto il mondo hanno approfittato della tratta degli schiavi. "Gli africani hanno costruito l'Europa, l'America e anche l'Asia - dice Vita -. Hanno influenzato cambiamenti che sono ancora in corso in tutto il mondo". Questo legame globale oggi è un'opportunità per il turismo e il ricordo: il Museo nazionale di storia e cultura afroamericana di Washington ne è un esempio.

Nel 2021 il presidente dell'Angola, João Lourenço, è stato negli Stati Uniti, dove ha incontrato la famiglia Tucker, una delle famiglie discendenti dagli schiavi angolani. Li ha invitati a visitare l'Angola. Una discendente di schiavi angolani ha fatto da guida al presidente Lourenço durante la visita al museo.

"Il fiume Kwanza è stato l'asse principale della penetrazione coloniale portoghese nell'interno dell'Angola - dice -. Emmanuel Caboco, vicedirettore dell'Istituto Nazionale dei Beni Culturali dell'Angola -. Il fiume Kwanza è stato anche il principale punto di transito degli schiavi. Secondo alcune stime, più di 6 milioni di persone sono partite verso vari Paesi".

L'Angola vuole che il corridoio di Kwanza sia inserito nella lista dei siti Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco, per poter beneficiare dei finanziamenti delle Nazioni Unite. "Collegare l'Africa ai popoli dell'altra parte dell'emisfero significa ricollegare le culture - dice Doudou Diéne, ex direttore del Dipartimento per il dialogo interculturale dell'Unesco -. Il sistema coloniale è stato un sistema potente, non di dominio politico, ma di cancellazione della memoria, della cultura e dell'identità. Quindi memoria, cultura e identità devono far parte della costruzione delle nazioni di tutti i Paesi africani".

Condividi questo articolo

Notizie correlate

L'Angola rilancia il turismo e offre l'ingresso senza visto per i turisti di 90 paesi