Rapine violente a Palermo, tre arresti

Puntavano una pistola alla tempia per avere il denaro
Puntavano una pistola alla tempia per avere il denaro
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PALERMO, 03 DIC - La Polizia di Stato ha fatto luce su tre rapine violente commesse a Palermo ai danni di un distributore di carburante e di due supermercati, utilizzando auto rubate poi date alle fiamme e una pistola a salve. In tre seminavano il panico sia per le modalità degli assalti durante i quali puntavano l'arma che riproduce perfettamente una pistola vera, alla tempia delle vittime, sia con gli incendi delle auto rubate e usate per le rapine. In un caso l'auto data alle fiamme ha rischiato di coinvolgere uno stabile nel rogo. La facciata è stata annerita prima che i pompieri potessero spegnere le fiamme. Il gip Clelia Maltese ha disposto il carcere per Gianluca Cintura, 25 anni, e Vincenzo Filippone, di 22 anni, e i domiciliari per un terzo indagato, Gaspare Emanuele Ribaudo, di appena 19 anni. Gli episodi contestati risalgono al 18 gennaio, 23 e 26 agosto. La banda utilizzava sempre lo stesso modus operandi: dopo aver rubato un'autovettura, una Fiat Panda per tutti e tre gli episodi, usando una pistola a salve priva di tappo rosso, faceva irruzione in un esercizio commerciale scarrellando con la pistola come per inserire il colpo in canna, e seminando il panico tra i clienti, puntando l'arma alla tempia dei cassieri per farsi consegnare l'incasso. Subito dopo il colpo, I tre abbandonavano l'auto rubata utilizzata per compiere la rapina, avvolta dalle fiamme in strada. In uno degli episodi - quello risalente allo scorso gennaio presso il distributore di carburanti Eni "Torre Bonagia" la prontezza nella fuga dei dipendenti ha lasciato la banda di soppiatto, tanto da essere costretta a fuggire senza bottino. Per gli altri due episodi nel giro di 3 giorni, dal 23 al 26 agosto, sono stati presi di mira due Ard discount: quello di via Placido Rizzotto e quello di via Gaetano Mosca. Il bottino è stato di 500 euro nel primo e 1.500 nel secondo caso. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Italia, Senato vota su gruppi pro vita nei consultori: polemiche su aborto in decreto Pnrr

Ungheria, l'opposizione: "Orbán spende i soldi pubblici in campagne di diffamazione"

Gaza, contati 283 corpi nella fossa comune all'ospedale Nasser di Khan Younis