EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Musk riapre le porte a Donald Trump su Twitter

Donald Trump
Donald Trump Diritti d'autore Rebecca Blackwell/Copyright 2022 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Rebecca Blackwell/Copyright 2022 The AP. All rights reserved.
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

"Il popolo si è espresso. Trump sarà reintegrato su Twitter", ha twittato l'imprenditore sul proprio account dopo il risultato di un sondaggio lanciato tra i suoi follower

PUBBLICITÀ

Elon Musk, nuovo patron di Twitter, ha riabilitato l'account dell'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, bandito dal social network dopo l'assalto al Campidoglio, a Washington, nel gennaio 2021.

"Il popolo si è espresso. Trump sarà reintegrato", ha twittato l'imprenditore sul proprio account dopo il risultato di un sondaggio lanciato tra i suoi follower.

Più di 15 milioni di utenti hanno risposto e il 51,8% ha votato a favore del "sì" al ritorno del politico repubblicano sulla piattaforma.

Pochi minuti dopo il messaggio di Elon Musk, l'account di Donald Trump era di nuovo visibile: l'ultimo tweet risale all'8 gennaio 2021.

L'ex presidente conta 4,57 milioni su Truth Social, la rete che aveva lanciato dopo la sua rimozione da Twitter.

Capo del social network da tre settimane, Il multimiliardario proprietario di Tesla e di SpaceX aveva  accompagnato il sondaggio su Twitter con il messaggio "Vox Populi, Vox Dei" (La voce del popolo è la voce di Dio). 

Avocando il ripristino della libertà di espressione, Musk ha già ripristinato venerdì diversi altri account utente sospesi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Assalto al Campidoglio, Trump deferito: il Dipartimento di Giustizia deciderà se incriminarlo

Donald Trump vende delle figurine digitali nelle quali diventa un supereroe

Twitter, l'appello di Musk al voto repubblicano e la marcia indietro sui licenziamenti