EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Monta protesta in Sardegna contro eolico, a rischio ET

A Nuoro assemblea pubblica, "Governo annulli autorizzazione"
A Nuoro assemblea pubblica, "Governo annulli autorizzazione"
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NUORO, 31 OTT - Monta la protesta dei sindaci del Nuorese, riuniti oggi al Museo del Costume di Nuoro, per ribadire il no alla realizzazione di un parco eolico tra Bitti e Lula, autorizzato dal Governo Draghi col Dpcm del 12 ottobre, che andrebbe ad interferire con il progetto dell'Einstein Telescope di Sos Enattos a Lula, candidato per l'Italia a ospitare il Centro europeo di misurazione delle onde gravitazionali. Decine di Consigli comunali in assemblea hanno votato all'unanimità il documento letto dal sindaco di Lula Mario Calia per chiedere al Governo l'annullamento dell'autorizzazione. "La costruzione di un parco eolico comprometterebbe la realizzazione dell'ET - ha detto Calia - un progetto di ricerca e di sviluppo che porterà migliaia di posti di lavoro qualificati. Sos Enattos è un sito a bassa attività sismica e antropica per questo ci sono le migliori condizioni per la realizzazione del telescopio. Il parco eolico annulla queste condizioni e va fermato in tutti i modi a cominciare dalla richiesta di incontro a Palazzo Chigi e di aiuto della Regione". "Ci opporremo in tutte le sedi opportune affinché il Governo cancelli questa autorizzazione - ha incalzato il sindaco di Nuoro Andrea Soddu -. Non siamo contrari all'energia alternativa, però vorremmo decidere il luogo dove vanno realizzati e i benefici diretti che devono ricadere sulle nostre bollette. La natura ci ha dato il vantaggio competitivo della bassa attività antropica e sismica, non possiamo bruciare un futuro di ricerca e di sviluppo per noi e per i nostri figli". Presenti oltre agli amministratori locali il presidente dell'Anci Sardegna Emiliano Deiana, consiglieri regionali e parlamentari del Nuorese. "L'ET è un'infrastruttura che porterebbe investimenti per 2 miliardi di euro e circa 36mila posti di lavoro creati nei nove anni della costruzione - ha detto la deputata M5s Alessandra Todde, ex viceministra Mise - trasformando così il Nuorese, uno dei territori più svantaggiati d'Italia. Con il collega Emiliano Fenu abbiamo presentato un'interrogazione al nuovo Governo e siamo disponibili ad ogni azione necessaria per difendere il progetto". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stati Uniti, al coro di Dem che chiede il ritiro di Biden si sarebbero aggiunti Obama e Pelosi

Israele: attacco con droni su Tel Aviv rivendicato dagli Houthi, un morto

Trump accetta la nomination repubblicana: il racconto dell'attentato e i rapporti con Orbán e Russia