Portogallo devastato dalla siccità: ne risente l'agricoltura

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Produzione di mele in Portogallo
Produzione di mele in Portogallo   -   Diritti d'autore  AP Photo

David Boyd, relatore speciale delle Nazioni Unite per i diritti umani e l'ambiente, ha dichiarato martedì in una conferenza stampa a Lisbona che la "gravità della siccità in Portogallo è davvero impressionante" e ha invitato il paese ad adottare misure più efficienti di utilizzo dell'acqua, soprattutto nel settore agricolo,

A fine agosto l'intero Portogallo continentale stava affrontando una siccità estrema, a seguito di quattro ondate di calore. La regione di Bragança è ancora in condizioni di estrema siccità. Carrazeda de Ansiães è uno dei comuni portoghesi più colpiti dalla siccità oltre ad essere uno dei maggiori produttori di mele della regione agraria di Trás-os-Montes. La situazione quindi, è ancora più problematica.

"Quest'anno è stato terribile. È tutto molto doloroso. Non abbiamo nemmeno guadagnato a sufficienza da coprire le spese. C'è stata la grandine, c'è stata una tempesta e poi abbiamo avuto molto caldo e mancanza d'acqua. Non potevamo nemmeno nutrire le piante in modo adeguato. Era tutto contro di noi", ha detto un Luís Veiga, produttore di mele, ad Euronews.

"Abbiamo avuto un'estate molto calda e molto secca, con ondate di calore, per cui la crescita dei frutti è stata ridotta, anche a causa della mancanza di acqua che ha reso questa raccolta piuttosto drammatica e molto negativa per gli agricoltori", ha spiegato Duarte Borges, il direttore tecnico di AFUVOPA,  un'associazione di agricoltori.

Luís Veiga produce normalmente fra le 400 e le 500 tonnellate di mele all'anno. Ma quest'anno non ne ha prodotte neanche la metà. Tutti i costi di produzione sono aumentati. Tutte le mele saranno vendute a un prezzo molto basso all'industria, a circa 6 centesimi al chilo. Il mercato non compra mele in queste condizioni e i produttori di mele sperano di trovare soluzioni per i prossimi anni con l'aiuto del governo.

"Spero che riceveremo finanziamenti per costruire nuovi laghetti, e per fare nuovi investimenti. Avremo bisogno di molto aiuto soprattutto per quanto riguarda la copertura degli alberi , altrimenti, ci saranno sempre più danni causati dalla grandine e fulmini", ha concluso Luis Veiga .