This content is not available in your region

Stress e troppi haters: l'influencer del calcio Luva de Pedreiro dice stop a 20 anni

Access to the comments Commenti
Di Euronews Portugal - Edizione italiana: Cristiano Tassinari
Fenomeno.
Fenomeno.   -   Diritti d'autore  AFP

Lo stress entra in scivolata anche sugli influencer.

Iran Ferreira, infuencer brasiliano famoso sul web con il nome d'arte "Luva de Pedreiro" - con 40 milioni di followers su Twitter, Instagram e TikTok - a 20 anni molla tutto.

Partito da un quartiere povero di Quijingue, nello Stato di Bahia, grazie al web è diventato una celebrità, ricoperto d'oro dagli sponsor (uno su tutti: Adidas) grazie ai suoi simpatici video di calcio, i suoi immancabili guanti neri ("Luva" significa guanto) e i suoi curiosi modi di festeggeria, imitati anche da calciatori professionisti. 

"Volevo essere il numero 1 nel calcio, ma non ce l'ho fatta.
Però lo sono diventato come influncer calcistico!"
Iran Ferreira - "Luva de Pedreiro"
20 anni, influencer brasiliano
Video AP
Dura la vita dell'influencer...Video AP

Il successo dei suoi video è stato strepitoso: a marzo 2021, un video pubblicato su TikTok è diventato virale, visto 30 milioni di volte. Condiviso su altre piattaforme, ha addirittura superato i 100 milioni di visualizzazioni.

Le strade e i terreni polverosi della sua regione natale hanno fatto spesso da sfondo ai suoi video, dove mostra il suo delizioso tocco di palla e il suo senso dello spettacolo, mescolando gesti e simpatico slang brasiliano. 

Un autentico trionfo, culminato nell'arrivo di molti sponsor importanti. 

Il ragazzo vive ora in uno dei quartieri eleganti di Recife, capitale dello Stato del Pernambuco, sulla costa nord-orientale, ha viaggiato in tutto il mondo e ha incontrato star del calcio come Neymar, Angel Di Maria o Ronaldinho.

"Non mi aspettavo di ricavarne soldi da questi video", racconta Iran. "Grazie a Dio ora posso godermi un po' di gloria e po' dei denaro...". 

Ma quello che inizialmente era solo un divertimento si è rivelato molto più complicato del previsto, con molte responsabilità.

“I giovani che entrano in questo mondo senza cercarlo, come è il caso di Luva de Pedreiro, si trovano in un mercato pubblicitario professionalizzato, che non ha nulla a che vedere con l'uso ludico dei social network”, spiega Issaaf Karhawi, autore del libro "Da blogger a influencer". 

Sarà anche vero, come dice l'esperto, ma ora Iran si è semplicemente stufato, non si diverte più: troppa popolarità e troppi haters. 

"Non ho più un minuto libero... Voglio tornare a vivere una vita normale", ha detto Iran. 
"Rispetterò gli ultimi contratti pubblicitari e poi non posterò mai più un video".