This content is not available in your region

Un fronte culturale: riapre il teatro a Mykolaiv, per ridare speranza agli abitanti della città

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Teatro di Mykolaiv, chiuso a causa della guerra
Teatro di Mykolaiv, chiuso a causa della guerra   -   Diritti d'autore  AFP

"La realizzazione dei nostri desideri". Il tema scelto per la prima, speciale, al teatro di arti drammatiche di Mykolaiv, è tanto evocativo quanto pregnante, nella terza città piu colpita dai bombardamenti russi. Perché "gli attori, in queste circostanze, sono i dottori dell'anima umana", ha detto l'attrice Maryna Vasylyeva.

"Qui c'è un lavoro da fare"

Un nuovo nome, una nuova vita per gli attori che si sono esibiti in un rifugio sottoterra, adibito a teatro grazie ai fondi dell'Unione europea. 

La città portuale di Mykolaiv porta le cicatrici dei bombardamenti quasi quotidiani dell'esercito di Mosca: nonostante si trovi a circa 20 chilometri dal fronte, secondo il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, dal 24 febbraio ha vissuto solo 25 giorni libera dall'incubo degli attacchi russi.

"Potrei partire e andare all'estero perché ho un figlio di 8 anni, ma capisco che mio marito è qui a difendere Mykolaiv nell'esercito", afferma Vasylyeva.

 "Qui c'è un lavoro creativo di volontariato per la mia arte, quindi sono necessaria qui".

Evgeniy Maloletka/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Residenti locali camminano sulla strada di fronte all'Hotel "Mykolaiv", distrutto dall'attacco russo a Mykolaiv, Ucraina, lunedì 8 agosto 2022Evgeniy Maloletka/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved

Gli attori erano abituati a esibirsi in un teatro che ospita fino a 450 spettatori, e che è stato chiuso a causa della guerra. 

Lo spettacolo è stato dunque adattato nel "palco del rifugio", come è stato chiamata la sala adornata con affreschi che rimandano ai teatri classici.

Un fronte culturale

L'biettivo dello spettacolo è quello di far dimenticare, anche se temporaneamente, la disperazione della guerra.

Kateryna Chernolishenko, 43 anni, è di buon umore prima di entrare in scena

"Sono molto felice di tornare sul nostro palcoscenico, a casa, e penso che sia importante che l'arte possa essere un sostegno per le persone", dice l'attrice, che come i suoi colleghi attori si è offerta di partecipare a questa prima. 

"Ora, quando la gente ha paura e ci bombardano, il teatro illumina i sorrisi della gente e ispira le persone a continuare a vivere e a migliorarsi", afferma invece Alexander Skotnikov, che ha presenziato allo spettacolo. 

il teatro illumina i sorrisi della gente e ispira le persone a continuare a vivere e a migliorarsi
Alexander Skotnikov
membro del pubblico

Perché è questo l'obiettivo del teatro: offrire qualcosa di diverso dalla guerra, creare un fronte culturale, rendere la vita piu facile agli abitanti di Mykolaiv.