This content is not available in your region

Ucraina, l'appello di Shevchenko: "La guerra continua, non siate indifferenti"

Access to the comments Commenti
Di Anelise Borges  & Euronews
euronews_icons_loading
Ucraina, l'appello di Shevchenko: "La guerra continua, non siate indifferenti"
Diritti d'autore  euronews

United24 è la piattaforma****internazionale creata per raccogliere fondi a sostegno dell'Ucraina**. È stata lanciata qualche mese dal presidente Volodymyr Zelenskyy e tra i suoi ambasciatori c'è anche l'ex calciatore del Milan Andriy Shevchenko, uno dei più grandi sportivi nella storia del Paese. Euronews lo ha intervistato a Londra.

Lei viene da un mondo di successi e vittorie. Oggi è qui per parlare di un Paese che sta affrontando distruzione e spopolamento. Ha mai pensato di trovarsi in questa posizione e che questo sarebbe accaduto al suo Paese?

Sì, è difficile da credere. Tutto è iniziato nel 2014, prima con l'annessione della Crimea e la guerra a Donetsk, che è stata la prima parte del conflitto. Ricordo ancora che due settimane prima del 24 febbraio parlavo con la mia famiglia, con mia sorella e mia madre. Stavamo valutando, parlando di cosa avremmo fatto. Ma non riuscivo a crederci, la mia famiglia diceva: "No, è impossibile, non crediamo che possa accadere". Abbiamo visto che l'ambasciata degli Stati Uniti, l'ambasciata italiana, tutte le ambasciate europee hanno iniziato ad allontanarsi da Kiev, dall'Ucraina, ed è stato allora che abbiamo iniziato a preoccuparci. Quando è iniziata la guerra, la mattina del 24, ho ricevuto una telefonata da mia madre. Quando ho visto mia madre che mi chiamava, ho capito subito che era successo qualcosa di molto brutto. Ho risposto al telefono e ho sentito la voce di mia madre che piangeva e diceva che era iniziata la guerra. Quello è stato il momento più difficile della mia vita. Da allora per noi è cambiato tutto. Per me è difficile da credere. Lo sport non è mai stato toccato dalla politica o dalla guerra, è sempre stato lontano dai conflitti. Perché lo sport ha un messaggio diverso per le persone, le avvicina, le unisce. Non c'è aggressività, il fair play è molto importante.

**Anche il mondo dello sport è stato colpito da questa guerra. È stato straordinario vedere come ha reagito. Abbiamo visto squadre e atleti russi banditi dalle competizioni o autorizzati a giocare in base a rigide regole di neutralità. Molti analisti sostengono che l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia abbia costretto il mondo dello sport a scegliere da che parte stare, a diventare più politico. È d'accordo con questa affermazione? Pensa che sia importante in questo momento?
**
Certo. Come ho detto lo sport è portatore di un messaggio molto forte, soprattutto per i giovani, ma per il mondo in generale: siamo uniti contro l'aggressione. La decisione della Fifa e della Uefa di bandire tutte le squadre russe da molte competizioni dopo l'inizio della guerra è stato un messaggio chiaro e sono assolutamente d'accordo.

Molti hanno criticato gli atleti russi perché non si sono fatti avanti e non hanno parlato contro la guerra. Lei cosa ne pensa? Pensa che oggi ci dovrebbero essere più atleti russi in giro a fare campagna contro questa invasione?

Non giudico le persone. Siamo tutti molto diversi. Ma credo che se siete persone forti, se volete vivere la vostra vita ed essere giusti con voi stessi, dovreste esprimervi. Dobbiamo essere tutti uniti, parlare ad alta voce ed essere sempre uniti contro questa aggressione.

Abbiamo assistito a una risposta straordinaria ai milioni di sfollati, molti dei quali hanno dovuto lasciare l'Ucraina. In Europa c'è stata una straordinaria disponibilità ad aiutare queste persone, ad accoglierle. Un'accoglienza molto diversa rispetto a quella riservata a persone provenienti da altre crisi, come quella in Siria o in altre parti del Medio Oriente. Ha avuto questa sensazione? L'ha notato?

Ad essere sincero, credo che solo quando una situazione ti tocca personalmente inizi a sentirla molto. E sono sicuro che il modo migliore per farlo è preoccuparsi di più di questo conflitto, di questa situazione. Il mondo deve reagire immediatamente. Per me, il futuro è che dobbiamo essere uniti e reagire immediatamente a questa aggressione.

Ha un messaggio per il popolo ucraino? Alcune persone, atleti come lei, hanno abbandonato tutto, le loro vecchie vite, e ora combattono con le armi contro la Russia. Cosa vuole dire alle persone che la conoscono molto bene per le sue vittorie, per la sua bellissima carriera, sull'importanza di non dimenticare l'Ucraina, di non distogliere lo sguardo da questo conflitto?

Il mio messaggio al mondo è che sono passati più di sei mesi dall'inizio della guerra e, ovviamente, la consapevolezza della guerra è come un'onda che cresce e poi si spegne. Il mio messaggio è che la guerra c'è, la situazione è molto critica. Ogni giorno le persone perdono la speranza, perdono le loro case, perdono la vita. Hanno bisogno di aiuto. Non siate indifferenti. So che molti di voi hanno già aiutato molto e voglio ringraziarli. Ma so anche che l'Ucraina ha bisogno di più aiuto, vi prego di non essere indifferenti. Dobbiamo restare uniti per il mio popolo. Il mio messaggio è sempre "Sláva Ukrayíni!".