This content is not available in your region

Regno Unito: lo sciopero dei "Gilet Rossi" del porto di Felixstowe

Access to the comments Commenti
Di Cristiano Tassinari  & Euronews World
euronews_icons_loading
I "Gilet Rossi" inglesi.
I "Gilet Rossi" inglesi.   -   Diritti d'autore  Joe Giddens/PA

Felixstowe è il più grande porto merci del Regno Unito.

Quasi 2.000 lavoratori del porto - 150 km a nord-est di Londra - hanno iniziato domenica 21 agosto uno sciopero di otto giorni, chiedendo il rinnovo contrattuale e l'aumento degli stipendi, fermi da anni.

Indossando il gilet rosso del sindacato Unite, gruisti, operatori di macchinari e stivatori hanno incrociato le braccia, a Felixstowe, per la prima volta dopo l'ultimo sciopero, risalente al 1989.

Miles Hubbard, responsabile regionale del sindacato Unite: 
"Non abbiamo nulla a che fare con una strategia nazionale, è qualcosa che è accaduto qui a livello locale e riflette ciò che sta accadendo altrove, perché le persone in tutto il Paese, credo, si sentono allo stesso modo. Ecco perché sembra essere organizzato: perché le persone ovunque si sentono allo stesso modo e arrivano alla stessa conclusione. Quando è troppo è troppo, non lo sopporteremo più!".

Video AP
"Quando è troppo, è troppo. Non lo sopporteremo più!"Video AP

Ai lavoratori del porto di Felixstowe è stato offerto un aumento di stipendio "del valore medio di oltre l'8% nell'anno in corso". 
Ma il sindacato sostiene che non è sufficiente per un'azienda che realizza profitti milionari.

Paul Davey, portavoce del porto di Felixstowe: 
"Siamo d'accordo sul fatto che i lavoratori meritano una giusta paga per una giornata di lavoro e credo che sia già quello che noi paghiamo per loro".

Video AP
"Paghiamo già un giusto stipendio ai lavoratori".Video AP

Lo sciopero dei portuali si aggiunge ad un estate di forti agitazioni sindacali in terra britannica: a causa dello sciopero dei dipendenti delle Ferrovie inglesi, sabato nel Regno Unito ha circolato un treno su cinque.