EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Ancora scioperi e disagi in Regno Unito

Sciopero a Waterloo Station, Londra
Sciopero a Waterloo Station, Londra Diritti d'autore Frank Augstein/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Diritti d'autore Frank Augstein/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Di Cinzia Rizzi Agenzie:  AP, AFP
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I sindacati, che hanno indetto l'ennesimo sciopero estivo fino a sabato, chiedono aumenti salariali di fronte all'inflazione

PUBBLICITÀ

Giovedì mattina, migliaia di lavoratori del Regno Unito hanno scioperato alla stazione di Euston, a Londra, interrompendo i servizi in gran parte del Paese. Ancora una volta chiedono aumenti sostanziali per compensare l'inflazione e migliori condizioni di lavoro. Durante il picchetto, il segretario generale del maggior sindacato dei trasporti (RMT) ha dichiarato che i britannici sono stanchi dei salari così bassi. 

"Abbiamo intrapreso sei giorni di sciopero", spiega Mick Lynch. "Le aziende avevano intenzione di effettuare questi licenziamenti molti mesi fa, finora abbiamo bloccato tutto, abbiamo ricevuto offerte migliori. Sembra che abbiamo anche risvegliato lo spirito di solidarietà tra i cittadini britannici. Stiamo riscontrando un grande sostegno, la gente sta tornando a pensare all'azione collettiva, allo sciopero e alla solidarietà tra i lavoratori".

RMT insieme ai sindacati TSSA e UNITE ha proclamato tra questo govedì e sabato la mobilitazione dei lavoratori delle ferrovie. È stata un'estate di disagi per i viaggiatori in Gran Bretagna, con migliaia di addetti alle pulizie, alla manutenzione delle ferrovie che hanno organizzato una serie di serrate tra giugno e luglio, per quello che è diventato il più grande sciopero del settore in 30 anni.

Disagi per i viaggiatori

Solo 1 treno su 5 circola. Un disagio non da poco per i viaggiatori. "Sto andando a un matrimonio. Gli scioperi dei treni mi hanno condizionato perché dovevo essere lì alle 11, arriverò a Manchester alle 12. E poi da lì devo fare altre due ore, quindi sarò molto in ritardo", dice un londinese.

"C'è un po' di frustrazione, ma capisco anche la necessità di fare lo sciopero. Quindi sì, il mio stato d'animo è tra le due cose", spiega un giovane.

Lo sciopero prosegue fino a sabato e anche la prossima settimana sono previsti altri scioperi sui treni nazionali e sulla rete di autobus e metropolitane della capitale.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Caos nei cieli di Francoforte. Un guasto informatico manda in tilt il sistema

Tutta l'Europa degli scioperi

Gli scioperi d'Inghilterra non finiscono mai