This content is not available in your region

Germania, meno acqua calda e gas ridotto. Si teme un inverno turbolento

Access to the comments Commenti
Di Debora Gandini
euronews_icons_loading
Impianti di gas
Impianti di gas   -   Diritti d'autore  Markus Schreiber/The Associated Press

Le conseguenze economiche della guerra in Ucraina stanno iniziando farsi sentire in molti settori. In Germania a Colonia autorità locali e cittadini hanno deciso di ridurre il consumo di energia dopo che il volume di gas naturale russo in arrivo attraverso l'oleodotto Nordstream 1 è iniziato a diminuire

In alcuni palazzi si inizia ad abbassare di alcuni gradi le caldaie. Niente sprechi: un messaggio bene chiaro mentre cresce il malcontento tra i tedeschi e insoddisfatti delle prese di posizione e delle politiche di Berlino. "Penso che il governo sia troppo dipendente da vari paesi e questo è un problema che stiamo affrontando, dice un residente. Dipendiamo da loro e ora dobbiamo pagare per le decisioni dei nostri politici.

Consumi ridotti di energia. E così alcuni gestori di piscine all’aperto d’ora in poi non riscalderanno più l’acqua. Negli ultimi giorni le consegne di gas russo in Germania sono crollate e le autorità temono che nei prossimi mesi ci sarà un ulteriore riduzione.

"Il problema attuale è la grande incertezza sul futuro, fa notare Thorsten Zimmermann, dipendente della Camera di Commercio di Colonia. Noi dipendiamo in modo pesante dall'approvvigionamento energetico e dalle decisioni politiche prese da Mosca. È una situazione che non abbiamo mai visto prima".

Timori, minacce e smentite

Gazprom aveva annunciato all'inizio di questa settimana che avrebbe ridotto le consegne al 20% dal 27 luglio, per effettuare operazioni di manutenzione. Il flusso dovrebbe diminuire ulteriormente nel corso della giornata. martedì i paesi europei hanno concordato di ridurre il consumo di gas russo del 15% nei prossimi mesi nel tentativo di prevenire una crisi energetica durante l'inverno. Ma l'accordo, prevede concessioni ed eccezioni per diverse nazioni. 

Come per i tagli di giugno, la Russia accusa problemi tecnici legati alle sanzioni imposte a Mosca dall'Occidente. Berlino ha affermato che potrebbe prolungare la vita delle sue tre centrali nucleari rimanenti, che rappresentano il 6% del mix energetico complessivo del paese, a fronte di un possibile taglio del gas russo. 

L'autorità di regolamentazione dell'energia tedesca ha annunciato di non aver individuato "nessuna ragione tecnica" a giustificazione della riduzione nella fornitura di gas da parte russa. L'annuncio è arrivato dopo che la Russia ha ridotto le forniture al 60% a giugno, poi a zero per un periodo di manutenzione di dieci giorni a luglio. Riduzione delle forniture di gas e impennata dei costi dell’energia. La Germania e altri paesi europei rischiano seriamente di dover affrontare un inverno rigido e turbolento.