EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Climbing For Climate, Cai 'indispensabile invertire la rotta'

Richiamo dopo la due giorni sul Monte Bianco con le università
Richiamo dopo la due giorni sul Monte Bianco con le università
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - AOSTA, 23 LUG - "Dobbiamo fare tutto quello che è nelle nostre possibilità per invertire la rotta, altrimenti le conseguenze possono essere davvero catastrofiche". A dirlo è il presidente generale del Cai Antonio Montani, a margine dell'evento 'Climbing For Climate', promosso dalla rete delle università per lo Sviluppo sostenibile e dal Cai e che quest'anno è stato ospitato in Valle d'Aosta. "Sono stati due giorni di confronto con i ricercatori e gli scienziati, che ancora una volta ci hanno sottolineato che la situazione è drammatica, e non uso un termine a caso", prosegue Montani. I partecipanti a 'Climbing For Climate' sono saliti sui ghiacciai della "vetta d'Europa" per lanciare un appello per il potenziamento del contrasto alla crisi climatica, alla crisi ecologica e alla perdita di biodiversità, con particolare riferimento agli ambienti alpini. Nella due giorni conclusasi oggi il mondo accademico e il Cai hanno partecipato a un'escursione verso il lago del Miage, a 2.040 metri di quota per poi pernottare al rifugio Torino. Oggi hanno osservato in cordata il Ghiacciaio del Gigante sul Col des Flambeaux. "Questa mattina alle 5 fuori dal rifugio, a 3.600 metri di quota pioveva - spiega Montani -, le temperature erano altissime e oggi, al cospetto del Grand Capucin, abbiamo assistito a una grossa frana". Due, secondo il presidente generale del Cai, le linee da seguire: "La prima è chiedere alla politica azioni concordate a livello globale. La seconda invece riguarda tutti noi e il modo di vivere la montagna. Ad esempio, non fare più escursioni di un giorno ma pensare di raggiungerla con mezzi pubblici, e quindi considerare di passare la notte in montagna". Deve esserci "un cambio di paradigma: se solo ci limitiamo a lamentarci perché i grandi della terra non fanno abbastanza sbagliamo, ognuno di noi deve fare qualcosa e questo è il momento per farlo". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Almeno 577 persone uccise dal caldo durante il pellegrinaggio alla Mecca

Argentina, nuova protesta contro Milei per chiedere il rilascio di 16 manifestanti

Russia: soldato statunitense condannato a tre anni per furto, aggressione e minacce di morte