This content is not available in your region

Morawiecki: "La barriera anti-immigrazione avrà impatto sulla sicurezza del Paese"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
AP Photo
AP Photo   -   Diritti d'autore  Michal Dyjuk/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved

Per il primo ministro polacco, Mateusz Morawiecki, lo stallo dei migranti visto durante i mesi invernali al confine con la Bielorussia è stato "il primo segnale" della guerra tra Russia e Ucraina.

Il premier afferma che la decisione di costruire una 'barriera per prevenire l'immigrazione illegale', alta cinque metri, avrà un impatto significativo sulla sicurezza dell'intero Paese.

"Pochi mesi dopo - dice - Putin ha attaccato l'Ucraina, chiariamo che se non avessimo eretto una barriera decisiva su ciò che Lukashenko aveva pianificato di preparare per la Polonia e l'Europa, oggi i nostri funzionari, i nostri poliziotti e forse anche altri servizi in divisa lo farebbero, occorre concentrarsi sulla garanzia della sicurezza interna e della sicurezza alle frontiere".

Michal Dyjuk/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
AP PhotoMichal Dyjuk/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved

Nel frattempo, il presidente bielorusso, Alexander Lukashenko, invita i Paesi post-sovietici a legami più stretti, incolpando l'Occidente per le sanzioni inflitte a Bielorussia e Russia dopo la guerra in Ucraina.

"Le folli e illegali sanzioni dell'Occidente - afferma Lukashenko - ci hanno spinto ad accelerare una soluzione nel campo dei trasporti e della logistica, l'introduzione dei nostri sistemi di pagamento e relativi insediamenti nelle valute nazionali.

Vorrei sottolineare che quest'anno i contatti con i leader dei territori russi sono diventati più attivi e si stanno geograficamente espandendo".

I leader dell'Unione europea avevano precedentemente accusato Lukashenko di aver condotto una "guerra ibrida", utilizzando la strategia per i migranti da contrapporre alle sanzioni.