EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Siccità: Fontana, andiamo avanti fino al 10 luglio, oltre no

'Problemi acqua potabile non ce ne sono ma non va sprecata'
'Problemi acqua potabile non ce ne sono ma non va sprecata'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 01 LUG - "Da ieri è operativo l'accordo con il Trentino per cui arrivano questi 5 milioni di metri cubi di acqua in più, che contribuiscono a mettere in sicurezza quella parte del territorio che pesca dal lago di Idro che si stava abbassando in maniera preoccupante. Noi fino al 10 luglio andiamo avanti, oltre no": lo ha detto il presidente lombardo Attilio Fontana parlando dell'emergenza siccità a margine dell'evento 'Gli strumenti finanziari della politica di coesione per rafforzare la ripresa economica e territoriale' al Pirellone. "Abbiamo fatto quello che si doveva fare con tutti i gestori dei bacini idroelettrici - ha aggiunto - se non piove la situazione è preoccupante". Ad ogni modo "per l'uso civico non abbiamo mai dichiarato che ci sono problemi", però "bisogna usare l'acqua con più logica e non sprecarla". Perché "se andiamo avanti così poi potrebbe succedere anche quello - ha concluso - ma per ora problemi per l'utilizzo potabile non ce ne sono". Una relazione sulla situazione attuale in Lombardia sarà inviata oggi al governo, "perché poi probabilmente lunedì l'esecutivo prenderà una decisione sullo stato di emergenza", spiega Fontana, secondo cui in queste scelte "serve che si tenga conto di tutte le necessità, sia quelle legate all'uso civile sia quelle legate all'agricoltura e all'allevamento". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 24 maggio - Pomeridiane

L'Europa che voglio: politiche economiche, cosa farei da europarlamentare

Risoluzione Onu per commemorare il genocidio di Srebrenica, serbi in protesta