This content is not available in your region

Le diavolette di Sydney non temono la neve

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
Diavoli della Tasmania
Diavoli della Tasmania   -   Diritti d'autore  AP Photo

Lo zoo di Sydney ha accolto due cucciolotte di diavoli della Tasmania (Il loro nome scientifico è Sarcophilus harrisii) nel recinto dedicato "Devils' Den". Le sorelle Nara e Bluey, entrambe di 14 mesi, si sono unite alle sorelle di quattro anni Mirrin e Dharra veterane dello zoo. L'evento ha coinciso con una nevicata che certo non spaventa i giovani marsupiali, simbolo della Tasmania.

Il "cucciolo di Belzebù"

Questo mammifero marsupiale è chiamato anche "il cucciolo di Belzebù" ed è famoso per il suo morso potente che buca pure il metallo, si nutre di carogne, ma è anche un astuto predatore che si nutre di cuccioli di altri animali e di piccoli roditori. La sua stazza che equivale a quella di un cane piccolo non gli consente di competere con i grandi predatori. Un nome così poco invitante deriva in realtà dal grido che emettono questi animali per le ragioni le più disparate, un grido che nel ore notturne (quando i diavoli vanno a caccia) spaventava i coloni giunti in Oceania.

Largo alle diavolette

Lo zoo australiano ha aumentato lo spazio disponibile nel recinto dei diavoli della Tasmania per i nuovi arrivati ​​e ha creato nuovi fori di osservazione a forma di cupola per consentire ai visitatori di essere il più vicino possibile agli animali. I diavoli della Tasmania sono i più grandi marsupiali carnivori dell'Australia e sono elencati fra gli animali in via di estinzione. Una delle principali minacce alla loro vita in natura è il Devil Facial Tumor Disease (DFTD), che è fatale per i marsupiali. L'epidemia si trasmette con il morso quando avvengono i combattimenti ma non solo. Alcuni individui si sono tuttavia immunizzati e l'infezione fa meno paura di un tempo.