Conte, grave che Draghi si intrometta nella vita di un partito

Sconcertato, noi dobbiamo sostenere gli italiani, non il premier
Sconcertato, noi dobbiamo sostenere gli italiani, non il premier
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 29 GIU - Le dichiarazioni del sociologo Domenico De Masi, secondo cui il premier Mario Draghi avrebbe chiesto a Beppe Grillo di rimuovere dal M5s il presidente Giuseppe Conte hanno portato a livelli di guardia le tensioni fra Movimento e governo. "Coprite con le vostre storielle la verità", ha detto di primo mattino Beppe Grillo, rispondendo ai giornalisti prima di iniziare gli incontri con i senatori pentastellati. Dura è stata la presa di posizione di Conte verso il presidente del Consiglio. "Vorrei precisare che Grillo mi aveva riferito di queste telefonate, vorrei chiarire che siamo una comunità, lavoriamo insieme - ha chiarito -. Lo trovo sinceramente grave che un premier tecnico che ha avuto da noi investitura, si intrometta nella vita di forze politiche che lo sostengono per altro". Dicendosi "sconcertato", Conte ha aggiunto: "Il nostro atteggiamento, che ho sempre definito leale, costruttivo, corretto nei confronti del governo, non cambia neppure di fronte a episodi che reputo così gravi. Perché il nostro obiettivo non è sostenere Draghi, il nostro obiettivo è sostenere e tutelare gli interessi degli italiani". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ilaria Salis candidata alle elezioni europee con Alleanza Verdi e Sinistra

Polonia, arrestata sospetta spia russa: raccoglieva informazioni per attacco a Zelensky

Crisi in Medio Oriente, tra gli italiani preoccupazione e insoddisfazione per il ruolo dell'Ue