EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Campionessa senza cittadinanza, "Bologna modello,partire da lì"

"Ius soli onorifico" a originaria Camerun che è anche infermiera
"Ius soli onorifico" a originaria Camerun che è anche infermiera
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BOLOGNA, 29 GIU - "È un'emozione molto bella, mi dà speranza. Il segnale che arriva dalla mia città, Bologna, è che dalle realtà più piccole, dai comuni, si può partire e sperare; si partirà dal basso e si arriverà in alto prima o poi". Con queste parole Pamela Malvina Noutcho Sawa, 30enne originaria del Camerun, infermiera e campionessa di pugilato nella categoria 64 Kg commenta all'ANSA lo Ius Soli entrato, simbolicamente, nello statuto del Comune di Bologna. Pamela vive in Italia da quando, a otto anni, si è ricongiunta con il padre che si era trasferito per studio e lavoro. Prima ha vissuto a Perugia dove ha frequentato la scuola primaria, le medie e le superiori, poi a Bologna, dove si è laureata alla triennale e alla magistrale in Scienze Infermieristiche. Oggi lavora nel pronto soccorso dell'ospedale Maggiore. Nel capoluogo emiliano ha anche incontrato la passione per la boxe. Tuttavia Pamela è ancora in attesa della cittadinanza italiana, richiesta due anni fa: "Sono fiduciosa di ottenerla presto", dice. Quella destinata agli studenti minorenni figli di migranti di Bologna è una "cittadinanza onoraria" ma per Pamela non ha solo un valore simbolico: "Significa essere riconosciuti come parte di una comunità. Per un bambino Bologna è come se fosse la sua nazione - sottolinea - significa dirgli: tu hai un posto dove potrai sempre tornare e puoi considerarlo casa". Adesso la speranza per Noutcho Sawa è che il Parlamento riconosca almeno lo Ius scholae: "Ormai sono grande, ma so cosa si prova. Un bambino che nasce, cresce e studia qui, non ha bisogno di aspettare 18 anni per dire e capire di essere italiano, lo è". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Olimpiadi Parigi 2024: le misure di sicurezza per la cerimonia di apertura dei Giochi

Le notizie del giorno | 18 giugno - Pomeridiane

Gaza, in 100mila protestano a Gerusalemme contro Netanyahu: chiedono elezioni e rilascio ostaggi