This content is not available in your region

Il lavoro come riscatto dal carcere, laboratori in 8 città

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Cartabia e Colao a inaugurazione progetto rigenerazione modem
Cartabia e Colao a inaugurazione progetto rigenerazione modem

(ANSA) – CAGLIARI, 24 GIU – Rigenerare modem di rete,
acquisendo una professionalità spendibile nel mondo del lavoro e
rimettendosi in gioco dopo avere scontato la pena in cella. E’
l’obiettivo del laboratori inaugurato oggi nel carcere di Uta
(Cagliari) nell’ambito di un memorandum d’intesa del Programma
“Lavoro carcerario”, un progetto in collaborazione con gli
operatori delle telecomunicazioni per aumentare le opportunità
professionali dei detenuti nei settori Tlc e Ict e favorirne il
reinserimento sociale. Un documento firmato questa mattina dala
ministra della Giustizia Marta Cartabia, presente nella Casa
circondariale “Ettore Scalas” di Cagliari-Uta, e dal ministro
per l’Innovazione tecnologica e la Transizione digitale,
Vittorio Colao, in collegamento dal carcere di Torino,
“Il fatto che si parta dal carcere è simbolico – ha detto la
ministra – il lavoro è essenziale perché la Costituzione dice
che la pena è orientata al reinserimento. Questa che stiamo
facendo partite non è occupazione qualsiasi, non è un
riempimento di ore, ma lavoro a tutti gli effetti con formazione
professionalizzante. Ed è lavoro retribuito, consente di essere
assunti con contratto regolare. Dove il carcere funziona e
assolve la sua funzione costituzione si deve alla collaborazione
con il territorio in tutti gli ambiti”, ha concluso.
“La collaborazione di molte aziende private dimostra un’alta
sensibilità che consentirà a molti uomini e donne di avere
un’occasione preziosa per il loro futuro e reinserimento sociale
- ha aggiunto il ministro Colao – Diamo il via a un’iniziativa
che potrà essere replicata anche da imprese di altri settori e
porterà benefici sia alle aziende sia ai detenuti”.
Coinvolti a Cagliari otto detenuti. Le attività previste
comprendono la rigenerazione degli apparati terminali di rete
con l’adesione di Fastweb, Linkem, Tiscali, Sky, Telecom Italia,
Vodafone e Windtre e un progetto di realizzazione di reti con
Open Fiber, Sielte e Sirti. Sedi dei laboratori a Bologna,
Cagliari, Catania, Frosinone, Lecce, Milano, Torino e Roma.
(ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.