Crimini di guerra, la Corte Penale Internazionale apre un ufficio a Kiev

Corte Penale Internazionale
Corte Penale Internazionale Diritti d'autore Peter Dejong/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

"In Ucraina, ad oggi, si registrano quasi 15.000 casi di crimini di guerra": lo afferma Iryna Venediktova, procuratore generale dell'Ucraina

PUBBLICITÀ

La guerra etica non esiste ma ci sono regole del diritto internazionale che impongono il rifiuto di atrocità belliche. Le stesse atrocità che, commesse in Ucraina a partire dall'invasione russa, la Corte Penale Internazionale intende sanzionare. 

L'attività investigativa per accertare i crimini di guerra continua.
La Corte vuole aprire un ufficio a Kiev e tre Paesi - Estonia, Lettonia e Slovacchia - si sono uniti alla squadra investigativa comune, che coordinerà lo scambio di prove attraverso Eurojust (l'agenzia di cooperazione giudiziaria dell'Ue). 

Secondo Iryna Venediktova, procuratore generale dell'Ucraina, il lavoro non mancherà: "In Ucraina, ad oggi, ci sono quasi 15.000 casi di crimini di guerra. Pensateci - dice il procuratore - Domani ne avremo altri 200-300. Ora, in questa categoria di casi, abbiamo quasi 80 sospetti. Si tratta di 80 persone che possiamo iniziare a perseguire".

L'Ucraina ha già processato tre soldati russi per aver commesso crimini di guerra nel Paese. Martedì scorso, due di loro sono stati condannati a 11 anni e 5 mesi di carcere per aver bombardato edifici civili nella regione di Kharkiv il primo giorno dell'invasione.

Entrambi si sono dichiarati colpevoli. 

All'inizio del mese, un altro soldato è stato condannato all'ergastolo per aver ucciso un civile in bicicletta.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Brics, vertice in presenza con il dubbio Putin

Crimini di guerra: tribunale ucraino condanna militare russo all'ergastolo

Ucraina, crimini di guerra: gli esami sui corpi delle vittime