EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Germania, accordo in parlamento per aumentare la spesa militare

Un blindato dell'esercito tedesco
Un blindato dell'esercito tedesco Diritti d'autore آسوشیتدپرس
Diritti d'autore آسوشیتدپرس
Di euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'intesa è stata raggiunta dopo settimane di intensi negoziati, permetterà a Berlino di ottemperare all'obbligo preso in seno alla Nato di portare la spesa militare al 2% del Pil

PUBBLICITÀ

 Tutti d'accordo in Germania per stanziare 100 miliardi di euro volti a modernizzare l'esercito, l'accordo raggiunto tra maggioranza e opposizione permetterà inoltre a Berlino di ottemperare all'impegno preso con la Nato di portare al 2% del Pil la spesa militare.

L'accordo ha visto le forze politiche di maggioranza e opposizione votare congiuntamente, dopo intense settimane di negoziati. Il provvedimento infatti  prevede un aggiramente della Costituzione sul debito, la spesa militare verrà finanziata in debito contrariamente a quanto recita la Legge fondamentale, in accordo peraltro ai principi di Bruxelles.

L'annuncio è stato fatto dallo stesso cancelliere Olaf Scholz al vertice straordinario dei 27, Scholz ha annunciato l'evento considerandolo di buon auspicio per le decisioni che i 27 sono chiamati a finalizzare in questi due giorni.

Dalla fine della Guerra fredda, la Germania ha ridotto in maniera significativa gli effettivi del suo esercito portandoli da circa 500 mila nel 1990 ai 200 mila di oggi. Ma non solo, poco meno del 30% delle navi militari della flotta sono pienamente operative e molti aerei non possono volare.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Spese militari in Europa: alte come ai tempi della Guerra Fredda (ma -4,5% in Italia)

Germania: l'Afd cerca di prendere le distanze dalle accuse di propaganda russa

Germania, Habeck: "Dobbiamo aumentare la spesa militare per essere in grado di difenderci"