This content is not available in your region

Ucraina: "nuove armi pesanti o saremo costretti a ritirarci da Lugansk"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
28 maggio 2022: soldato ucraino passa di fronte a una fabbrica distrutta a Bakhmut, Ucraina orientale
28 maggio 2022: soldato ucraino passa di fronte a una fabbrica distrutta a Bakhmut, Ucraina orientale   -   Diritti d'autore  AP Photo/Francisco Seco

L'artiglieria e gli attacchi aerei russi minacciano di far precipitare le sorti della guerra in Donbass.

Sabato, il governatore della regione contesa di Lugansk, Sergey Gaidai, ha annunciato che i soldati di stanza nei dintorni della città strategica di Severodonetsk, circondata ormai per due terzi dalle forze di Mosca, potrebbero essere presto costretti a ritirarsi per non finire chiusi in trappola. 

A cambiare le sorti della battaglia, secondo le autorità ucraine, potrebbero essere gli avanzati sistemi missilistici mobili a lancio multiplo  di cui dispongono gli Stati Uniti, in grado di fermare il martellamento a distanza con cui le truppe russe tengono i soldati di Kiev inchiodati alle loro posizioni.  

Tali missili sarebbero in grado di colpire postazioni di tiro, basi militari, piste aeree e linee di rifornimento fino a una distanza  di 300 km.

"Ogni giorno - ha detto il presidente ucraino Zelensky - lavoriamo per rafforzare la nostra difesa. Si tratta in primo luogo della fornitura di armi. Ogni giorno ci avviciniamo alla situazione in cui il nostro esercito prevarrà sugli invasori dal punto di vista tecnologico e della forza d'urto. Naturalmente, molto dipende dai partner, dalla loro disponibilità a fornire all'Ucraina tutto il necessario per proteggere la libertà. E attendo con ansia buone notizie per la prossima settimana".

La doppia crisi

Ma la crisi più grave rischia di diventare quella agro-alimentare: a nord del paese, è quasi impossibile avventurarsi nei terreni disseminati di proiettili d'artiglieria inesplosi o troppo vicini alla linea del fronte , mentre le attrezzature agricole e i magazzini di stoccaggio sono in gran parte distrutti.

Ad aggravare la crisi c'è poi l'impossibilità di spedire milioni di tonnellate di grano e altri prodotti agricoli dall'Ucraina.

Il Paese è uno dei maggiori esportatori mondiali di grano, mais e olio di girasole, ma la guerra e il blocco dei porti da parte della Russia hanno interrotto gran parte dell'export , mettendo in pericolo le forniture alimentari dai cui la maggior parte dei paesi del terzo mondo, soprattutto per quanto riguarda il grano, dipendevano. 

Le acque, in molti dei porti da cui le navi cariche di grano partivano,  sono ora anche pesantemente minate.

Nonostante ciò, una nave di Open Arms che trasportava 24 tonnellate di cibo è attraccata nella città di Izmail, nella regione di Odesa.

Il porto di Mariupol ha inoltre ripreso le operazioni sabato mattina, dopo che le forze russe hanno dichiarato di aver terminato lo sgombero delle mine dalle acque al largo della città.