Covid: assessore Lombardia a teatro senza Ffp2, bloccato

Galli in ritardo a La Milanesiana, 'pervicace negazione libertà'
Galli in ritardo a La Milanesiana, 'pervicace negazione libertà'
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 03 MAG - "Trovo inaccettabile tenere la mascherina in teatro fino al 15 giugno, è una pervicace negazione della libertà": è quanto ha detto l'assessore alla Cultura della Regione Lombardia Stefano Bruno Galli, arrivando in leggero ritardo alla presentazione della Milanesiana al piccolo teatro Grassi perché sprovvisto di mascherina Ffp2 e quindi invitato a dotarsene all'ingresso. "Prolungare fino al 15 giugno l'obbligo di mascherina a teatro quando fuori non la mettiamo più da nessuna parte la trovo una forma di accanimento verso un settore che ha sofferto tanto la pandemia, aveva senso quando avevamo i pronto soccorso e le terapie intensive piene, ma adesso che abbiamo imparato a gestire la pandemia sembra una forma di accanimento". Galli si è poi scusato dello "sfogo", spiegando che non era "connesso al fatto che mi hanno tenuto fuori perché non avevo la Ffp2". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Georgia, legge sugli "agenti stranieri": arresti in piazza e scontri in Parlamento

Le notizie del giorno | 16 aprile - Serale

Commissione Ue: Pieper rinuncia, ombre su von der Leyen a pochi mesi dalle elezioni