Ucraina: vernice blu e gialla su esterno villa russi Forte Marmi

Accertamenti della Digos su blitz notturno a cancello d'ingresso
Accertamenti della Digos su blitz notturno a cancello d'ingresso
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - FORTE DEI MARMI (LUCCA), 24 APR - Vistoso imbrattamento con vernice, nei colori blu e giallo della bandiera dell'Ucraina, sull'esterno di Villa Napoleone a Forte dei Marmi (Lucca), dimora che apparterrebbe a una coppia di coniugi russi. Come riportano i giornali locali sono stati ampiamente verniciati il cancello principale, una targa e il numero civico sulla colonna esterna, e probabilmente è successo con un'azione notturna che potrebbe essere stata ripresa da telecamere. Comunque sia, il blitz ha richiesto l'impiego di una discreta quantità di vernice e di un certo tempo pe portarlo a termine. Sull'episodio, che ha le caratteristiche di un gesto di protesta per l'invasione militare dell'Ucraina, ha già avviato accertamenti la polizia con la Digos di Lucca. Al momento, per quanto emerso finora, la coppia di coniugi non risulta rientrare tra i soggetti colpiti da sanzioni e non sarebbe neanche troppo in vista benché possieda una delle dimore storiche di Roma Imperiale, la zona delle ville al Forte. La presenza di facoltosi turisti russi a Forte dei Marmi ha numeri importanti. Oltre ai vacanzieri temporanei in estate, si contano centinaia di domiciliati e residenti (tra 500 e 800 russi secondo stime) che hanno acquistato immobili e soggiornano in questa località della Versilia per lunghi periodi dell'anno. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Alta tensione tra Moldova e Transnistria, Tiraspol chiede l'intervento della Russia per i dazi

La Germania media per la pace tra Azerbaigian e Armenia

Guerra in Ucraina, Zelensky al vertice in Albania chiede più munizioni