This content is not available in your region

Ucraina: le fosse comuni di Borodyanka

Access to the comments Commenti
Di Da Borodyanka (Ucraina): Valérie Gauriat
euronews_icons_loading
Guerra senza tregua.
Guerra senza tregua.   -   Diritti d'autore  Euronews

BORODYANKA (UCRAINA) - Borodyanka, a circa 50 chilometri da KIev, è l'ombra del suo passato.

È una delle città più bombardate di tutta l'Ucraina, teatro - secondo le autorità ucraine - di un massacro di civili "peggiore di quello di Bucha".

Una cinquantina di corpi senza vita sono stati trovati sotto le macerie della distruzione russa.
Il bilancio delle vittime potrebbe salire a diverse centinaia.

Ogni giorno, i corpi vengono riesumati dalle fosse comuni, sempre più numerose.
Nove persone - con segni di tortura - sono state sepolte in questi campi, dove è stata ritrovata una nuova fossa comune.

Il padre di Alexander è tra le vittime. La sua testa è stata mozzata.

Racconta Alexander Sergeiovich Salov, residente di Borodyanka:
"C'è stato un bombardamento. Mio padre, la sera, ci ha detto che sarebbe andato lui a fermare le forze russe. Parlava russo. Veniva dalla Russia. Ed è andato a fermare la colonna. Si trovava di fronte al veicolo blindato... E gli sono passati sopra".

Euronews
"Mio padre voleva fermare la colonna dei blindati russi...". (Borodyanka, 20.4.2022)Euronews

Nadiya ha perso suo figlio Constantine, 34 anni. Faceva il muratore.

Nadiya Boyko, residente di Borodyanka, ha le lacrime agli occhi e un groppo in gola:
"Stava tornando a casa a piedi, era il 28 febbraio. Gli hanno sparato da un carro armato e lui non è riuscito a nascondersi abbastanza in fretta... L'abbiamo sepolto il 15 marzo perché non potevamo farlo prima, è rimasto all'obitorio. Il comandante non ci ha permesso di seppellirlo, così lo abbiamo sepolto il 15 marzo, qui. Nel giardino".

Euronews
Nadiya mostra una foto del figlio che non c'è più. (Borodyanka, 20.4.2022)Euronews

Il messaggio del capo della polizia della regione di Kiev, Andrii Niebytov, è inequivocabile.

"Penso che sia possibile e necessario parlare di un genocidio del popolo ucraino".
Andrii Niebytov
Capo della polizia regionale di Kiev

Poi, continua:
"Questo è un altro esempio dei crimini di guerra commessi dalla Federazione Russa: sparano alla gente civile! Queste persone", dice indicando i cadaveri pietosamente coperti da teli, "non erano militari e non erano in difesa del territorio, erano semplici cittadini e hanno sparato loro per strada. Questo è contro tutte le convenzioni internazionali e il diritto internazionale, che proibisce questi atti contro i civili".

Euronews
Il capo della polizia di Kiev durante l'intervista.Euronews

La nostra inviata Valèrie Gauriat:
"Sono momenti molto difficili. E sta accadendo ogni giorno. Più di 1.000 civili sono stati trovati nella regione di Kiev, finora. E la polizia dice che sta facendo questi ritrovamenti ogni giorno. Quindi, ovviamente, le cifre sono destinate a salire".

Euronews
Valèrie Gauriat, inviata in Ucraina.Euronews

Risorse addizionali per questo articolo • Edizione italiana: Cristiano Tassinari