This content is not available in your region

Boris Johnson a sorpresa a Kiev. Zelensky chiede maggior pressione sulla Russia

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
I due leader per le strade di Kiev
I due leader per le strade di Kiev   -   Diritti d'autore  AP/AP

Una visita a sorpresa per il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Sabato, a Kiev, ha ricevuto la visita del primo ministro britannico Boris Johnson . Una vigorosa stretta di mano, pochi convenevoli e la ferma volontà di ribadire quanto il Regno Unito sia motivato nel continuare a stare a fianco della causa ucraina e a fornire tutto il suo appoggio pratico e logistico a Kiev.

I due leader hanno passeggiato tra le strade della capitale, scambiato anche qualche parola con i passanti, e hanno reso omaggio al  Monumento dei Cento Celesti per il suo simbolismo legato ai  valori patriottici , la difesa dei principi costituzionali di democrazia e i diritti umani. 

Poi la conferenza stampa congiunta: 

 Boris Johnson, primo ministro britannico:

"Ciò che questa guerra sta certamente producendo è una chiarezza sulla visione di un futuro dell'Ucraina. Insieme ad amici e partner, noi, il Regno Unito e altri, continueremo a fornire l'attrezzatura, la tecnologia, il know-how, l'intelligence, per far sì che l'Ucraina non sia mai più invasa".

Volodymyr Zelensky, presidente ucraino, alza l'asticella e torna a chiedere di pigiare sull'acceleratore delle sanzioni per mettere in difficoltà la Russia:

"Dobbiamo esercitare una pressione ancora maggiore sulla Federazione Russa sostenendo l'Ucraina nelle operazioni di difesa, dobbiamo esercitare una pressione sotto forma di sanzioni".