This content is not available in your region

Scambio di accuse tra Kiev e Mosca, la guerra parallela delle parole

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
le auto danneggiate dai bombardamenti
le auto danneggiate dai bombardamenti   -   Diritti d'autore  Andriy Andriyenko/The Associated Press

Il ministro dell'Interno ucraino Denys Monastyrsky ha visitato la città di Borodyanka, a nord-ovest di Kiev.

In un filmato diffuso dal servizio  di emergenza ucraino, si vede il ministro che intento a seguire i lavori degli  operatori del servizio di emergenza impegnati nelle operazioni di ricerca delle vittimedopo il ritiro delle truppe russe dalla zona.

Le autorità ucraine si aspettano, dopo gli orrori di Bucha,  altre scoperte raccapriccianti tra gli  edifici distrutti. 

Oleksandr Shputun, un portavoce dello Stato Maggiore delle Forze Armate dell'Ucraina, afferma che Mosca sta riposizionando divisioni di fanteria e corazzate e che lala Russia sta ancora cercando il "pieno controllo" della città assediata di Mariupol, e di altri centri minori nel sud di Donetsk.

Sul fronte opposto il ministero della Difesa russo ha diffuso un filmato dell'attività dei suoi jet da combattimento che sparano sui carri armati e su obiettivi militari e accusa gli ucraini di provocazione.

Igor Konashenkov, portavoce ufficiale del ministero della Difesa della Russia:

"Il regime nazionalista ucraino sta preparando un'altra provocazione per accusare la Russia di presunti massacri di civili a Irpen, nella regione di Kyiv. Richiamo la vostra attenzione sul fatto che unità delle forze armate russe hanno lasciato questo insediamento più di una settimana fa".

Una guerra che,  oltre a proseguire  cruenta dul fronte militare,  prosegue senza esclusione di colpi anche sul piano della comunicazione dalla stanza dei bottoni.