This content is not available in your region

Ucraina: Mykolaïv, vita quotidiana di guerra. L'ultimo baluardo prima di Odessa aspetta e si prepara

Access to the comments Commenti
Di Sérgio Ferreira de Almeida  & Edizione italiana: Cristiano Tassinari
euronews_icons_loading
La vita "scheggiata" di Mikolaiv. (29.3.2022)
La vita "scheggiata" di Mikolaiv. (29.3.2022)   -   Diritti d'autore  Petros Giannakouris/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.

A Mykolaïv, nel sud dell'Ucraina, ad un passo dal Mar Nero, è più di un mese che chi ha deciso di restare non ha un giorno tranquillo.
Non è più una vita normale. Ormai è una vita di guerra, una vita di resistenza, una vita "scheggiata".

In tempi di guerra, gli obiettivi sono di solito militari... ma in questa guerra, le regole - decise dai russi - non sono le stesse.

E, infatti, Oleksander Senkevich, sindaco di Mykolaïv, racconta: "I russi usano bombe a grappolo illegali... La bomba esplode nel cielo, poi si frammenta in piccole bombe a grappolo, con piccoli pezzi di metallo, che uccidono anche a grande distanza".

Euronews
Il sindaco di Mykolaïv intervistato da Sérgio de Almeida.Euronews

Dimitri, 32 anni, si è trovato nel raggio di un ennesimo attacco russo. Dopo essere riuscito a portare in salvo la moglie e i due figli in Polonia, qualche giorno fa l'ha scampata quasi per miracolo.

Racconta: "Erano le 7 del mattino quando tutto è cominciato. Sono iniziate le esplosioni, la casa tremava. La mia prima reazione è stata quella di guardare fuori dalla finestra, ma ho capito che quando le finestre iniziano a tremare, l'attacco è molto vicino... Ci sono state sei esplosioni davanti alla casa. C'erano pezzi di granate in giro. Anche nel giardino, sul retro. E quando ho guardato fuori dalla finestra, la gente stava già scappando, le auto erano distrutte, le granate volavano, come girandole impazzite".

Euronews
Dimitri racconta come è scampato all'attacco russo.Euronews

Solo negli ultimi giorni, un ospedale, un orfanotrofio, 11 asili e 12 scuole sono stati attaccati a Mykolaïv.
Almeno 10 le vittime, negli attacchi di lunedi.

La maggior parte delle bombe a grappolo che hanno colpito la città provenivano dalla zona di Kherson, una regione ora controllata dalle truppe russe.

"E' difficile prevedere quale sarà il prossimo passo, di sicuro vediamo che si stanno riorganizzando", spiega il sindaco Oleksander Senkevich, con la pistola in bella vista nella fondina. "I russi stanno radunando più truppe provenienti dalla Crimea, si riuniscono nella regione di Kherson... Ci aspettiamo che ci attaccheranno, nei prossimi giorni".

- "Siete pronti a rispondere a questo attacco?", chiede l'inviato di Euronews, Sérgio Ferreira de Almeida. "Siamo nati pronti, di sicuro siamo pronti a colpirli", risponde il sindaco.

La linea di avanzata delle truppe di Putin è ora a 30 chilometri dal centro di Mykolaïv.
La città attende e si prepara.

Risorse addizionali per questo articolo • TRADUZIONE, DOPPIAGGIO, WEB: CRISTIANO TASSINARI