Minacciavano bimbi con l'inferno, chiusa inchiesta

Cinque donne della valle Aurina sono ancora in carcere
Cinque donne della valle Aurina sono ancora in carcere
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BOLZANO, 21 MAR - La Procura di Bolzano ha chiuso l'indagine nei confronti di cinque donne della valle Aurina accusate di maltrattamenti ai danni di due minorenni, figli di una di loro. Le donne, vicine a una setta religiosa, si trovano attualmente rinchiuse in carcere a Trento e per loro si avvicina la richiesta di rinvio a giudizio, non ancora formalizzata in attesa che trascorrano i 20 giorni concessi alla difesa per poter presentare delle memorie difensive. Il quadro probatorio si basa su intercettazioni ambientali che avevano immortalato i maltrattamenti ai due bambini, costretti a pregare per ore, privati del sonno notturno e minacciati di finire all'inferno se solo chiedevano di poter utilizzare uno smartphone. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Meloni annuncia il rientro di Chico Forti: chi è l'ex velista condannato all'ergastolo negli Usa

Chiusi nuovi valichi tra Lituania e Bielorussia

Finlandia, Alexander Stubb è il 13° presidente: "Nuova era per il Paese"