This content is not available in your region

A Bologna il gilet anti aggressione per operatori sanitari

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Da aprile la sperimentazione. Lancia allarme sonoro e chiama Fdo
Da aprile la sperimentazione. Lancia allarme sonoro e chiama Fdo

(ANSA) – BOLOGNA, 10 MAR – Al via, all’ospedale Sant’Orsola e
in Azienda Usl di Bologna, la sperimentazione, che durerà tre
mesi, del gilet anti-aggressione per gli operatori sanitari che
lavorano in solitudine. Il gilet lancia un potente allarme
sonoro, contestuale all’invio di una telefonata e di un sms con
coordinate Gps alla vigilanza interna per il Sant’Orsola e alle
Forze dell’Ordine per l’Azienda Usl di Bologna, con accensione
di luci led lampeggianti. Il sistema rileva, inoltre, se la
persona è a terra o immobile per troppo tempo e in tal caso
invia automaticamente la chiamata di emergenza. Il tutto in un gilet di soli 190 grammi. Il dispositivo
consente due tipi di attivazione: volontaria, schiacciando un
pulsante o automatica in caso di un malore con/o senza perdita
di coscienza. La tecnologia impiegata è quella del gilet
anti-violenza D-One, progettato da D-Air lab per i runner che si
allenano di notte e in luoghi isolati. È a partire da questo
dispositivo che D-Air lab e i professionisti dell’Irccs
Policlinico Sant’Orsola e dell’Azienda Usl di Bologna stanno
sviluppando il dispositivo Negroli, vero e proprio presidio
innovativo per la sicurezza dei lavoratori che applica la
tecnologia D-One alle specifiche esigenze del contesto
sanitario. Ad aprile comincia la sperimentazione del gilet sul
personale sanitario dell’Irccs Policlinico Sant’Orsola e su
quello dell’Azienda Usl di Bologna, in particolare su chi ha
necessità di spostamenti notturni o comunque lavora spesso in
solitudine. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.