Un passo in avanti e due indietro. L'Ucraina può entrare nella UE?

Un passo in avanti e due indietro. L'Ucraina può entrare nella UE?
Diritti d'autore Efrem Lukatsky/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Di Méabh Mc MahonAlberto de Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Alle dichiarazioni di domenica di Ursula von der Leyen circa l'ingresso di Kiev in Europa fa eco lunedì un portavoce della Commissione: le richieste debbono passare attraverso il Consiglio Europeo

PUBBLICITÀ

A fronte dell'invasione da parte della Russia, le richieste di adesione all'UE per l'Ucraina si fanno sempre più forti.

Al telefono, il presidente ucraino ha chiamato la Commissione europea per un'iniezione di denaro e per accelerare l'adesione all'UE, un processo che normalmente richiede anni.

Volodymyr Zelensky, presidente dell'Ucraina: "Ci appelliamo all'Unione Europea per l'adesione immediata dell'Ucraina attraverso una nuova procedura speciale.

Questo è anche l'obiettivo del presidente della Commissione Europea, che in un'intervista esclusiva a Euronews ha detto 'nel tempo' che l'Ucraina dovrebbe entrare nel club.

Ursula Von der Leyen, Presidente della Commissione Ue: "Abbiamo un processo con l'Ucraina che consiste, ad esempio, nell'integrare il mercato ucraino nel mercato unico che abbiamo... Abbiamo una cooperazione molto stretta... Sono dei nostri e li vogliamo dentro."

Ma lunedì, la retorica è sembrata ammorbidirsi con un portavoce della Commissione che ha affermato come qualsiasi richiesta ufficiale avrebbe dovuto passare dal Consiglio europeo.

Così Eric Mamer, portavoce della Commissione Europea:  "Abbiamo ascoltato il messaggio del presidente Zelenksy che chiede una procedura accelerata e accelerata, ma ancora una volta, come ho detto, vorrei ricordarvi che la commissione lavora sulla base di un mandato che riceve per negoziare. Non definiamo noi stessi il mandato.

Intanto molti paesi aspirano a sedersi al tavolo europeo Albania, Serbia, Macedonia del nord e Montenegro cosi come Bosnia, Kosovo e Moldova.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'Ucraina nell'Unione europea? Lo chiedono anche gli europarlamentari

Proteste degli agricoltori a Bruxelles, trattori e roghi nel Quartiere europeo

Morte Navalny: la vedova pronta a prendere il testimone di Alexei, migliaia in piazza a Roma