This content is not available in your region

L'Ucraina nell'Unione europea? Lo chiedono anche gli europarlamentari

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
L'Ucraina nell'Unione europea? Lo chiedono anche gli europarlamentari
Diritti d'autore  Virginia Mayo/AP

Il Parlamento europeo ha adottato la risoluzione sull'Ucraina, discussa durante la sessione straordinaria dell'assemblea plenaria.

Nel testo, approvato con 637 voti a favore 13 contrari e 26 astenuti, il Parlamento chiede che "le istituzioni dell'Unione si adoperino per concedere all'Ucraina lo status di Paese candidato all'adesione all'Ue" e che tale procedura sia "in linea con l'articolo 49 del trattato sull'Unione europea e sulla base del merito".

Bandiere gialloblù a Bruxelles

A Bruxelles gli eurodeputati con le bandiere gialloblù mostrano il loro sostegno all'Ucraina.
Il presidente sotto tiro riceve una standing ovation. Tra i bombardamenti a Kiev, Volodymyr Zelenskyy ha parlato in videoconferenza al Parlamento europeo.

"Potete immaginare, stamattina due missili hanno colpito questa piazza della libertà - dice Zelenskyy - ci sono state decine di vittime. Questo è il prezzo della libertà".

A momenti, l'interprete inglese sembra trattenere le lacrime quando traduce: "Stiamo combattendo solo per la nostra terra, per la nostra libertà".

Emozioni condivise dall'Assemblea, mentre Zelenskyy chiede l'adesione all'Unione europea.

Abbiamo dimostrato la nostra forza, dimostrate di essere insieme a noi. Allora la vita vincerà sulla morte e la luce sulle tenebre
Volodymyr Zelenskyy
presidente ucraino

Il Parlamento Ue vota la risoluzione

I deputati hanno adottato la risoluzione che chiede alla Russia di fermare la guerra, all'Unione europea di aumentare gli aiuti umanitari e di concedere all'Ucraina lo status di paese candidato.

"Penso che ci siano dei momenti in cui bisogna avere il coraggio di fare grandi passi avanti, e se si guarda ai precedenti allargamenti è sempre stata una decisione politica che aveva a che fare con la sicurezza, con la libertà" commenta Sophie in 't Veld, deputata olandese.

Sempre nella risoluzione, figura la richiesta di aumentare le armi difensive all'Ucraina.

Alcuni deputati hanno delle riserve. Secondo Martin Schirdewan, deputato tedesco, "questo minaccerebbe un'ulteriore escalation della guerra, che diventa un conflitto internazionale e che potrebbe immediatamente svilupparsi in un conflitto su larga scala o in una delle più grandi guerre in Europa".

Fuori dal Parlamento, una manifestazione tiene alta la pressione sui decisori politici. E dall'altra parte del palazzo istituzionale il giallo e il blu dei colori nazionali dell'Ucraina, che fanno eco ai simboli giallo e blu dell'Ue, stanno fianco a fianco.