This content is not available in your region

Svezia: campagna contro il complottismo sui "bambini rapiti"

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
Svezia: campagna contro il complottismo sui "bambini rapiti"
Diritti d'autore  AP Photo/Andres Kudacki

Il governo svedese è impegnato nello smascherare una campagna di disinformazione complottista dalle conseguenze potenzialmente esplosive.

Frange della comunità musulmana svedese accusano i servizi sociali di rapire i loro figli per poi trasferirli in famiglie cristiane dove verrebbero costretti a mangiare maiale e bere alcol. Sulla scia della falsa notizia si sono tenute manifestazioni, prediche di imam estremisti e lo scorso anno è anche nato un partito, Nyans.

La campagna è nata su facebook per poi migrare sugli altri social media e finire anche su certi canali di informazione internazionale; la campagna è alimetata dai numeri dato che i figli di immigrati sotto l'ala dei servizi sociali sono di più rispetto ai bimbi svedesi.

I servizi sociali: "Togliere i figli ai genitori è sempre l'estrema ratio"

I servizi sociali denunciano che spesso le famiglie di immigrati si rifiutano di collaborare e che togliergli i figli è comunque sempre l'estrema ratio. Anders Ygeman, il ministro dell'integrazione e dell'immigrazione svedese spiega perché i figli degli immigrati più spesso cadono sotto l'ala dei servizi sociali: "Penso che chi è scappato dalla guerra e dalla persecuzione spesso ha una situazione economica peggiore e quindi finisce per sperimentare problemi famigliari", al di là del discutibile legame evidenziato dal ministro tra povertà e problemi famigliari, certo è che la Svezia da anni cerca di risolvere il difficile rebus dell'integrazione.

La Svezia è considerato un Paese precursore nella tutela dei diritti del bambino, già nel 1966 la sculacciata è stata vietata per legge; i detrattori del sistema tuttavia, pur non credendo alla teoria complottista, dicono che liquidare la questione dei bimbi rapiti come disinformazione ignora problemi legati alle differenze culturali, dunque a differenti approcci educativi.