EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Bimbo dimesso da ospedale muore giorno dopo per peritonite

Piccolo di 4 anni aveva forti dolori addome. Indagati 2 medici
Piccolo di 4 anni aveva forti dolori addome. Indagati 2 medici
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 15 FEB - I genitori lo hanno portato al Pronto soccorso del Policlinico di Milano perché aveva forti dolori all'addome e vomitava ma il piccolo, un bimbo di 4 anni, è stato dimesso con una diagnosi di gastroenterite. Il giorno dopo è peggiorato, il padre e la madre hanno chiamato il 118 ed è stato portato nuovamente in ospedale d'urgenza, dove è morto per una peritonite acuta. Sulla tragedia, che risale allo scorso novembre e di cui si è avuta notizia solo oggi, sta indagando la Procura di Milano che ha iscritto per omicidio colposo la specializzanda che ha visitato il piccolo e il medico specialista che era di turno quella sera. Il dipartimento 'ambiente, salute, sicurezza, lavoro' della Procura di Milano ha disposto una consulenza (ancora in corso) per verificare eventuali imperizie da parte dei 2 medici, ossia della specializzanda, che sarebbe stata l'unica a visitare il bambino, e lo specialista di turno, che ha autorizzato le dimissioni. Da quanto si è saputo, i genitori quella sera dello scorso novembre avevano portato il figlio al Pronto soccorso perché stava male già da qualche giorno, aveva dolori intestinali e vomitava. Il giorno successivo, però, il piccolo è peggiorato ed è quindi stato chiamato il 118. Immediata la corsa in ospedale ma inutilmente: quando il bimbo è arrivato, stando a quanto ricostruito dalle indagini, non c'era più nulla da fare, perché l'infiammazione da peritonite aveva gravemente compromesso le sue condizioni già critiche. Tra le analisi che sono state disposte dagli inquirenti ci sono esami istologici e tossicologici per stabilire quale fosse appunto il livello di infiammazione. I pm vogliono anche capire perché i medici non abbiano effettuato una 'Ves', ossia l'esame del sangue che permette di evidenziale l'eventuale presenza di infiammazione nell'organismo. L'inchiesta punta a stabilire se siano stati rispettati i protocolli specifici per casi del genere. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni europee: von der Leyen apre a un accordo con Meloni

Carlo Acutis diventerà santo: è il primo millennial, considerato patrono di Internet

Iran, funerali Raisi: migliaia di persone per sepoltura a Mashhad, a Teheran vertice con le milizie