This content is not available in your region

Deputato sionista apre il proprio ufficio a Gerusalemme Est. Scoppia la protesta palestinese

Access to the comments Commenti
Di Cinzia Rizzi  Agenzie:  AP
euronews_icons_loading
Il deputato sionista Itamar Ben Gvir in una foto d'archivio
Il deputato sionista Itamar Ben Gvir in una foto d'archivio   -   Diritti d'autore  Maya Alleruzzo/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

Disordini sono scoppiati questa domenica nel quartiere Sheikh Jarrah di Gerusalemme Est. La polizia si è scontrata con alcuni palestinesi che protestavano per l'apertura dell'ufficio di un deputato sionista. Due persone sono state arrestate durante gli scontri.

Itamar Ben Gvir, leader del Partito Sionista Religioso, ha infatti deciso di installare proprio qui, sotto un gazebo, il suo ufficio. Questo per sostenere i residenti ebrei del quartiere a prevalenza palestinese, dopo un un incendio presumibilmente doloso, scoppiato venerdì in una casa dove vive una famiglia ebrea. 

"[...] Se i terroristi provano a bruciare viva una famiglia ebrea e la polizia non fa niente, verrò sul posto"

"Ho detto un paio di volte che se non ci fosse stata una reazione da parte della polizia all'attacco, avrei aperto qui un ufficio parlamentare e questo è quello che sto facendo oggi", ha dichiarato il deputato di estrema destra. "Sono venuto per aprire un ufficio parlamentare, lavorerò da qui".

Una zona "calda"

Sabato sera, la polizia aveva già arrestato sei persone e disperso una "manifestazione violenta e illegale" nello stesso quartiere, epicentro delle tensioni tra palestinesi e coloni israeliani.

Hamas ha avvertito Israele in un comunicato "delle conseguenze dei ripetuti attacchi a Sheikh Jarrah", scena regolare di scontri tra palestinesi e polizia dello Stato ebraico. 

Oltre 300.000 palestinesi e 210.000 israeliani vivono oggi a Gerusalemme Est, nella parte occupata e annessa da Israele dal 1967.

Video editor • Cinzia Rizzi