This content is not available in your region

Ucraina: la vita sconvolta dei civili nel Donbass, tra cecchini e stato di guerra

Access to the comments Commenti
Di Anelise Borges  & Euronews
euronews_icons_loading
Ucraina: la vita sconvolta dei civili nel Donbass, tra cecchini e stato di guerra
Diritti d'autore  AP Photo/Vadim Ghirda

Mentre il mondo si prepara a una possibile incursione russa, la città di Slovyansk - come gran parte dell'est dell'Ucraina - sta ancora facendo la conta dei danni di 8 anni di conflitto.

Questo territorio è stato teatro di pesanti combattimenti nel 2014, quando i separatisti sostenuti dalla Russia hanno preso il controllo della zona.
La regione è stata sconvolta dalla guerra del Donbass ed ha fatto parte dell'autoproclamata Repubblica Popolare di Donec'k.

La vita quotidiana in 8 anni di conflitto

Vlada Lysenko è un'attivista ucraina: "Mia madre ha chiamato e mi ha detto: 'non andrai da nessuna parte, Slovyansk è stata presa' ".

Vlada aveva 15 anni all'epoca e ricorda una città sotto assedio: "La gente era dentro la stazione di polizia con pistole automatiche e uniformi. Non riuscivamo a capire cosa stesse succedendo. C'erano pneumatici e barricate. Evitavamo tutti gli edifici a più piani perché c'erano i cecchini lassù. Cercavamo di non restare negli spazi aperti, perché non sapevamo quando sarebbe arrivato un proiettile".

Le forze armate ucraine hanno impiegato quasi 3 mesi per riconquistare Slovyansk. 

I separatisti si sono poi spostati 100 km a sud, dove i combattimenti continuano.

Ma, in tutto il territorio di Slovyansk, i segni di una guerra iniziata 8 anni fa sono ancora molto visibili. Ciò che è ancora più chiaro è quanto questo conflitto abbia cambiato le persone.

La storia di Roman, il ragazzo che voleva difendere l'Ucraina

Roman aveva 20 anni quando è stato colpito da un cecchino in prima linea.

Sua madre, Oriana Napriahlo, lo descrive così: "Era una persona timida e tranquilla. Ma aveva qualcosa dentro. Un senso di responsabilità per gli altri. Era moralmente pronto a proteggere l'Ucraina. Diceva: mamma, se non io, allora chi?".

Cinque anni dopo, Olena lotta ancora con il dolore per la perdita di suo figlio, ma insiste - forse per convincersi - che Roman è morto per un bene più grande: "È ovvio - dice - che la morte dei giovani sia triste e molto dolorosa. Ma l'indipendenza dell'Ucraina ne vale la pena".

Una fratellanza possibile?

Ma alcuni, qui, sostengono che l'Ucraina deve ancora liberarsi veramente dal peso di quasi un decennio di conflitto praticamente ininterrotto, che ha causato un'enorme dolore alle popolazioni: "Io sono per la fratellanza - commenta una donna - Potete giudicarmi quanto volete, ma io sono per l'amicizia. Conosco molto bene la Russia. Conosco molto bene l'Ucraina. E le persone sono persone. Non è colpa della gente".

Il reportage di Anelise Borges da Slovyansk, nell'est dell'Ucraina, per Euronews.