Ordigno davanti locale nel Barese,ipotesi atto intimidatorio

(V. 'Danneggiarono con un esplosivo un negozio...' delle 8.37)
(V. 'Danneggiarono con un esplosivo un negozio...' delle 8.37)
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BARI, 05 FEB - Potrebbe esserci un atto intimidatorio relativo ad una procedura di vendita, all'origine della esplosione che il 27 ottobre scorso ha danneggiato la porta d'ingresso e parte del soffitto della "Galleria Commerciale" in via Roma a Modugno, nel Barese. E' l'ipotesi investigativa sulla quale sono al lavoro i carabinieri, coordinati dalla Procura di Bari. L'indagine sul danneggiamento ha portato all'arresto dei due presunti autori, il 50enne Vincenzo Pellicani e il 49enne Michele Cavallo, entrambi pregiudicati. Il primo, con numerosi precedenti per detenzione di esplosivi, avrebbe materialmente posizionato l'ordigno, mentre il complice lo avrebbe accompagnato in auto e poi aspettato per consentirgli la fuga. I due arrestati, ora in carcere, sono stati identificati grazie alle immagini di telecamere di sorveglianza. I militari, oltre ad accertare la dinamica del danneggiamento, sono al lavoro per ricostruire il movente. Il locale in questione, di proprietà di una banca, è in vendita e, a quanto si apprende, c'era un acquirente interessato. Non è escluso che il presunto atto intimidatorio fosse collegato alla compravendita. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Belgio, il Consiglio di Stato autorizza la riunione dell'estrema destra

Protesta in Georgia contro la "legge russa" sugli agenti stranieri, scontri con la polizia e arresti

Roma, la ripresa economica passa per Bruxelles e per le elezioni europee