This content is not available in your region

A Bologna una panchina per aspettare Patrick Zaki

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Nel cortile del Comune. Il sindaco, sedetevi qui e postate foto
Nel cortile del Comune. Il sindaco, sedetevi qui e postate foto

(ANSA) – BOLOGNA, 04 FEB – Una panchina verde nel cortile
Guido Fanti del Comune di Bologna. Una panchina di speranza che
attende Patrick Zaki, lo studente dell’Università di Bologna che
è stato detenuto per quasi due anni nelle carceri egiziane ed
ora, in vista dell’udienza del 6 aprile, spera di tornare in
quella che è diventata la sua città. L’opera simbolica, con
accanto la sagoma dello studente egiziano ideata dall’artista
Gianluca Costantini, è stata inaugurata dal sindaco Matteo
Lepore e da Rita Monticelli, delegata del Comune sul tema dei
diritti umani e professoressa di Patrick Zaki. “Ringrazio il Corriere della Sera che ha lanciato
l’iniziativa e l’Università che l’ha supportata. Questo è un
segnale a Patrick di vicinanza. Continuiamo a chiedere la sua
libertà e speriamo in un esito positivo dell’udienza. L’attesa
in questo caso è un impegno collettivo per riaverlo presto a
Bologna – ha spiegato Lepore – La proposta che facciamo alla
cittadinanza è di venire in Comune, sedersi, fare una foto sulla
panchina e magari lanciarla sui social per ribadire l’impegno
nei confronti di Patrick”. La panchina è una installazione temporanea, un conto alla
rovescia per riabbracciare Patrick. “Questo è un simbolo non
solo per Patrick, ma anche per tutti quegli studenti e quelle
persone che sono nelle sue stesse condizioni. È una panchina
solidale – ha detto Monticelli – come la città di Bologna e
l’Università. Continueremo ad impegnarci non solo per Patrick,
ma perché i diritti umani e civili siano sempre parte della
nostra cultura, al di là di ogni confine”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.