EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Serbia: le elezioni si avvicinano, no alla miniera di litio

Serbia: le elezioni si avvicinano, no alla miniera di litio
Diritti d'autore Marko Drobnjakovic/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Diritti d'autore Marko Drobnjakovic/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Di euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il progetto Jadar del gruppo minerario Rio tinto group avrebbe avuto un impatto notevole sul Pil nazionale ma la prima ministra appena eletta lo ha bloccato

PUBBLICITÀ

Salute o lavoro, in questo caso salute o ricchezza, tanta. Dopo un dibattito acceso e divisivo la Serbia con la prima ministra Ana Brnabić ha cancellato tutte le autorizzazioni al gruppo minerario anglo-australiano Rio Tinto Group; stop al progetto Jadar per l'estrazione del litio nell'omonima valle. Stop a un investimento di 2 miliardi di dollari che avrebbe ripagato il debito nazionale ma che, secondo gli ambientalisti, avrebbe messo a serio rischio la salute dell'ambiente e dell'uomo.

Le elezioni presidenziali si avvicinano (3 aprile) e le autorità stoppano il progetto

Troppe proteste a ridosso delle elezioni presidenziali del 3 aprile e il presidente Aleksandar Vucic ha preferito un niet, ma un tempo ricordava: "Il fatturato annuo se solo avessimo il progetto sarebbe di 600 milioni di euro all'anno. Se andassimo in fabbrica per la produzione di batterie e catodi, il nostro reddito non sarebbe più di 600 milioni di euro, ma di 3,4 miliardi all'anno. Guarda, 3,4 miliardi per 56 anni."

A Loznica si trova un giacimento enorme di litio, a regime si sarebbero potute estrarre 58mila tonnellate all'anno, una quantità utile a soddisfare il 10 % cento della domanda mondiale e che, praticamente, renderebbe l'Europa quasi indipendente nella produzione di batterie per le auto elettriche. Per alcuni il no è precipitoso Aleksandar Jovovic, professore di ingegneria meccanica, critica: "Il protagonista di questa storia è lo Stato. Lo Stato non ha fatto il suo studio di analisi costi-benefici."

In effetti non essendo stato presentato un progetto definitivo non è stato fatto uno studio di impatto. Per gli ambientalisti però lo stop è una vittoria assoluta. In piazza insieme alla popolazione locale hanno denunciato, ad esempio, che non c'era nessuna certezza sul destino di 60 milioni di tonnellate di rifiuti; inoltre la miniera sorgerebbe all'interno di un'area protetta e del granaio del Paese e, si sa, le miniere inquinano. Dalla loro i detrattori del progetto hanno avuto anche il cittadino serbo più conosciuto al mondo, il tennista Novak Djokovich.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Serbia caput mundi: tutti gli aerei portano a Belgrado, tappa fondamentale per i viaggi in Europa

Vittoria ambientalista in Serbia: bloccata definitivamente la miniera di litio della Rio Tinto

Il dilemma dell'Ue: dalla dipendenza dai combustibili fossili a quella dai metalli