Gdf sequestra 'medicinali anti-Covid' non autorizzati

3.600 confezioni a Civitanova, prodotti cinesi pubblicizzati web
3.600 confezioni a Civitanova, prodotti cinesi pubblicizzati web
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CIVITANOVA MARCHE, 03 GEN - Sequestrati a Civitanova Marche (Macerata) 3.600 medicinali di produzione cinese, recanti esclusivamente scritte in lingua cinese, sprovvisti della necessaria Autorizzazione all'immissione in consumo rilasciata dall'Aifa, e pubblicizzati sul web quale rimedio e cura all'infezione da Covid-19. Sono stati i finanzieri della compagnia di Civitanova Marche, durante servizi di controllo economico del territorio, a scoprire il carico all'interno di un'auto, perché insospettiti dagli strani movimenti posti in essere dal conducente di origine cinese. L'uomo non è stato in grado di esibire alcun tipo di documentazione a corredo della merce trasportata - anche in relazione all'acquisto della stessa - ed è stato segnalato alla Procura di Macerata per i reati di ricettazione (art. 648 del Codice Penale) e distribuzione ed importazione di medicinali non autorizzati, (art. 147, comma 2, del Decreto Legislativo 219 del 2006). I prodotti medicali sono stati conseguentemente sottoposti a sequestro probatorio, a disposizione dell'Autorità Giudiziaria. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Belgio, il Consiglio di Stato autorizza la riunione dell'estrema destra

Protesta in Georgia contro la "legge russa" sugli agenti stranieri, scontri con la polizia e arresti

Roma, la ripresa economica passa per Bruxelles e per le elezioni europee