This content is not available in your region

Libia, 28 cadaveri restituiti dal mare

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Libia, 28 cadaveri restituiti dal mare
Diritti d'autore  Yousef Murad/Yousef Murad

I cadaveri di 28 migranti sono stati ritrovati sulla costa occidentale della Libia dopo l'affondamento della loro barca. Una nuova tragedia sulla rotta migratoria più letale del mondo.Sono state le squadre della Mezzaluna Rossa a recuperare i corpi e a portare in salvo tre sopravvissuti in due spiagge di Al-Alous, a circa 90 chilometri da Tripoli.

I referti autoptici indicano che il naufragio è avvenuto diversi giorni fa, e il bilancio delle vittime sembra destinato ad aumentare.

Le crude immagini dei media libici mostrano vittime allineate lungo la riva, e trasferite all'obitorio in sacchi per cadaveri.

Devastata da conflitti e anarchia, la Libia è diventata un punto di partenza verso l'Europa per tanti i migranti, non solo africani.

Sopportano attese disumane pur di salire su imbarcazioni improvvisate o sovraffollate che si trasformano in trappole mortali .

Solo pochi giorni prima di questo macabro ritrovamento altri 160 migranti sono morti nello stesso disperato tentativo.

Più di 30.000 migranti sono stati intercettati nello stesso periodo e riportati in Libia.

L'Unione europea collabora strettamente con la guardia costiera libica per disincentivare le partenze ma il richiamo della terra promessa, e l'offerta degli scafisti, sembrano impossibile da ignorare .