This content is not available in your region

Da Chloé Zhao a Audrey Diwan: il 2021 nel cinema è stato l'anno delle donne

Access to the comments Commenti
Di Frédéric Ponsard
euronews_icons_loading
Da Chloé Zhao a Audrey Diwan: il 2021 nel cinema è stato l'anno delle donne
Diritti d'autore  euronews

Nel mondo del cinema il 2021 è stato senza dubbio l'anno delle donne, sia ai grandi festival come Cannes o Venezia che alla cerimonia degli Oscar. L'anno è iniziato con la consacrazione di Chloé Zhao che, dopo il Leone d'oro a Venezia nel 2020, ha vinto tre Oscar con "Nomadland": miglior film, miglior regia e miglior attrice per Frances McDormand.

La protagonista è una vedova che, dopo avere perso il lavoro a causa della crisi economica del 2007, lascia la sua città per attraversare il paese a bordo di un camper. Dopo il successo del film, Chloé Zhao è stata scelta dalla Marvel per dirigere Eternals, ventiseiesima pellicola del Marvel Cinematic Universe, uscita a novembre.

Sia la cerimonia degli Oscar che il Festival di Cannes sono stati posticipati di due mesi a causa della pandemia. A trionfare sulla Croisette è stato "Titane", della giovane regista francese Julia Ducournau. "È divertente, tutti i registi e la regista che hanno ricevuto la Palma d'oro prima di me devono aver pensato la stessa cosa. Ovvero che tu, come regista, non puoi considerare il tuo film perfetto, non è possibile. In effetti, è bello che alla fine il premio riconosca le imperfezioni che sono il cuore e l'energia di ogni film", aveva detto Ducournau dopo aver ricevuto il premio.

"Titane" ha diviso sia la critica che il pubblico. Un film di genere, un thriller cruento che gioca anche sull'identità sessuale. Se non altro la pellicola, vietata ai minori di 18 anni in Italia, ha avuto il merito di portare nuova linfa e uno sguardo femminile al mondo del cinema.

Donne protagoniste anche a Venezia. A trionfare è stata un'altra regista francese, Audrey Diwan, vincitrice del Leone d'oro con "La Scelta di Anne", film su una giovane studentessa che deve affrontare una gravidanza indesiderata nella Francia degli anni '60. "Considero questo film una sorta di urlo, volevo vedere che risonanza avrebbe avuto. E stasera sento di essere stata ascoltata", aveva detto la regista dopo la consegna del premio più ambito del festival.

Ad ottobre Jane Campion ha ricevuto a Lione il Prix Lumière 2021, una sorta di premio Nobel per il cinema assegnato nella città dei fratelli Lumière. La regista neozelandese ha sottolineato l'importanza della settima arte nella sua vita. "Sento che ha reso possibile la mia vita - aveva detto Campion a Euronews -. Crescere nel cinema per me ha davvero funzionato. Da giovane i registi mi sembravano degli adulti straordinari, con una notevole immaginazione, che rispondevano alle grandi domande: perché siamo qui? Quali sono la possibilità dell'amore? Chi siamo? Cosa ci riserva il futuro?".

L'ultimo film della regista è "Il potere del cane", che ha per protagonista un brutale cowboy del Montana interpretato da Benedict Cumberbatch. Prodotto da Netflix, dopo un breve passaggio al cinema in Italia il film è sbarcato sulla piattaforma di streaming il primo dicembre.