This content is not available in your region

Come è cambiata l'industria cinematografica del Qatar nell'ultimo decennio?

Di Euronews
euronews_icons_loading
Come è cambiata l'industria cinematografica del Qatar nell'ultimo decennio?
Diritti d'autore  euronews

Per il nono anno di fila il Qatar celebra i migliori film locali e regionali all'Ajyal Film Festival. A causa della pandemia l'evento ritorna ancora una volta in un formato ibrido, con proiezioni online e in presenza. Nel cartellone 85 produzioni da 44 paesi.

Riflettori puntati sui nuovi talenti

La metà dei film sono di registi arabi e quasi un terzo sono stati diretti da donne. "Don't Get Too Comfortable" della regista yemenita Shaima Al Tamimi, per esempio, è una storia personale sul suo tentativo di elaborare lo sradicamento generazionale. Il suo film è stato presentato nella sezione Made in Qatar, che mette in luce anche talenti locali come Khalifa Al Thani, il cui cortometraggio "Border" parla di un mediorientale che cerca di superare i controlli in aeroporto in un futuro distopico, e affronta questioni molto attuali.

Il Doha Film Institute, che gestisce Ajyal, si è affermato come un hub per i giovani talenti cinematografici di Doha e di tutto il mondo. L'amministratore delegato dell'istituto, Fatma Al Remaihi, ci ha spiegato come l'industria cinematografica sia cambiata negli ultimi dieci anni, specialmente per le registe donne. "Alcune hanno iniziato come giurate - ha detto Al Remaihi - poi sono diventate registe e sono tornate al festival per mostrare i loro film. Per noi è uno scenario perfetto perché hanno preso tutto quello che potevano dal festival. Hanno affinato le loro competenze nel corso degli anni attraverso i diversi programmi che offriamo: formazione, sviluppo di progetti e finanziamento. Sono tornate al festival per mostrare i loro film al pubblico a cui appartenevano. Poi vanno anche in giro per il mondo a presentare i loro film".

"A Hero" del regista premio Oscar Asghar Farhadi ha aperto il festival. L'attore protagonista, Amir Jadidi, dice di considerare Farhadi uno dei più grandi registi del mondo e di aver imparato dai suoi valori morali e dalla sua etica.

Scene del deserto che ispirano la creatività

Il Qatar può essere un piccolo paese, ma ci sono ancora numerose location che ispirano la creatività di registi e attori. Film City nella zona desertica di Brouq, conosciuta anche come penisola di Zekreet, è a circa un'ora di macchina dalla capitale. È stata costruita appositamente per una serie televisiva araba. L'area circostante è ora una riserva naturale per gli animali protetta da un team di specialisti ambientali, ma per i registi, il lugo è ancora fonte di ispirazione.

Talenti emergenti dell'industria

La Northwestern University in Qatar forma professionisti dei media e nuovi registi. Gli studenti ottengono l'esperienza pratica di cui hanno bisogno per affinare le loro abilità. I loro professori sono professionisti del settore che condividono le loro conoscenze ed esperienze. Tra loro c'è regista Joao Queiroga, il cui ultimo film, "Digging for Life", racconta la storia di un uomo che si ritrova intrappolato a scavare diamanti in Angola. Queiroga ama confondere i confini tra fiction e non-fiction e spesso incoraggia i suoi studenti ad essere coraggiosi, audaci e autentici.

Per Nadia Al-Khater in molti potrebbero restare sorpresi scoprendo quante donne si sono fatte strade nel cinema nella regione. Al-Khater sta lavorando al suo secondo cortometraggio, in stretta collaborazione con l'affermato produttore Justin Kramer, un mentore per i nuovi talenti della regione: "Penso che con il tempo stiano iniziando a trovare la loro voce e a capire davvero quanto siano uniche la loro prospettiva e le loro storie", ha detto Kramer. Con storie che collegano identità, storia e cultura, il lavoro dei giovani registi qui in Qatar è certamente da tenere d'occhio.