EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Serbi in rivolta, strade bloccate

Serbi in rivolta, strade bloccate
Diritti d'autore Darko Vojinovic/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Diritti d'autore Darko Vojinovic/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Ecologisti e rappresentanti dell'opposizione in piazza contro nuove leggi che consentono la speculazione di privati sul territorio. No agli espropri e a nuove estrazioni dalle miniere serbe.

PUBBLICITÀ

 Migliaia di manifestanti si sono riuniti in diverse città serbe per bloccare strade principali, autostrade e ponti . Le proteste antigovernative sono scoppiate in seguito a due nuove leggi che permetteranno a compagnie straniere di sfruttare le risorse naturali locali.

 Il malcontento è indirizzato al presidente della Serbia, Aleksandar Vučić, ma anche alla compagnia mineraria Rio Tinto che si prepara ad estrarre litio in un progetto che genera scetticismo da quasi vent'anni. Si teme che il governo abbia modificato le leggi sul referendum e sull'esproprio proprio per facilitare un'operazione che, secondo gli ambientalisti, causerebbe danni irreparabili .

"Non costruite Rio Tinto, non avvelenate i miei figli e nipoti. A chi stiamo lasciando questo paese? Io amo molto questo paese e sono qui per difendere i miei figli e nipoti, e poi il paese", dice una donna intervistata dall'inviato di Euronews

"Non importa chi è al potere, non importa chi decide, solo l'ambiente conta e noi non vogliamo questo. Questa è solo una rivolta civile contro ciò che sta accadendo" aggiunge un secondo passante. 

Questa è  stata la seconda protesta a livello nazionale indetta da gruppi ecologisti e sostenuta da alcuni partiti dell'opposizione, la cui richiesta principale è il ritiro delle leggi contestate. Sabato scorso i manifestanti si sono scontrati con la polizia e uomini mascherati non identificati li hanno attaccati con bastoni e martelli. Questa volta si sono verificati meno incidenti, mentre le autorità sostengono che le azioni dei manifestanti sono illegali proprio a causa dei blocchi delle strade principali.

Per Aleksandar Jovanovic, uno dei principali organizzatori : "Tutto quello che sta succedendo qui è contro la legge, e soprattutto quello che stanno facendo le autorità. Quindi il blocco delle autostrade è illegale come è illegale la legge sull'esproprio e sul sequestro della proprietà privata. Nessuno proverebbe gusto a bloccare le autostrade in tutta la Serbia se ci fosse una legge giusta. Tutto questo è causato dalle azioni illegali di questo governo ".

Caustico anche  Dobrica Veselinovic ,  membro dell'opposizione. 

"Siamo venuti a protestare, insieme ai cittadini, contro tutto quello che sta succedendo nel nostro paese. Penso che le ragioni di questa protesta siano l'insoddisfazione per come la Serbia si sta sviluppando e per come il regime del Partito progressista serbo si comporta e governa".

Questo è uno degli snodi di traffico più importanti non solo nella capitale, ma in tutto il paese. I manifestanti che erano qui oggi hanno promesso che torneranno  ogni fine settimana finché le loro richieste non saranno soddisfatte.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Serbia in piazza contro l'inquinamento: bloccati ponti e strade

Vivere in un ecovillaggio in Serbia

Serbia, l'opposizione protesta durante la prima sessione del Parlamento: "Elezioni rubate"