This content is not available in your region

Quali sono i sintomi ricorrenti nei pazienti con la variante Omicron?

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Il Regno Unito imporrà quarantene e test ai viaggiatori, senza distinzioni di provenienza
Il Regno Unito imporrà quarantene e test ai viaggiatori, senza distinzioni di provenienza   -   Diritti d'autore  Frank Augstein/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

Mentre il mondo ricomincia a chiudersi di fronte alla minaccia della variante Omicron, un medico sudafricano che ha curato decine di contagiati e che è stato tra i primi a lanciare l'allerta alle autorità, assicura che i sintomi dei malati sono lievi, anche se i casi studiati restano comunque pochi.

La dottoressa Angelique Coetzee, che è anche presidente della South African Medical Association, ha curato una trentina di pazienti con la nuova variante del COVID-19 e per il momento assicura che nessuno ha dovuto essere ricoverato.

La principale caratteristica, comunque a tutti e 30 i casi, per ora sembra essere la stanchezza. "Ciò che li ha portati nel mio studio" a Pretoria "è stata la stanchezza estrema", ha detto all'AFP.

La maggior parte dei pazienti erano uomini sotto i 40 anni. Poco meno della metà erano stati vaccinati.

Oltre alla stanchezza, soffrivano di dolori articolari, tosse secca o "prurito alla gola", ha detto Coetzee. Solo pochi avevano qualche linea di febbre, e quasi nessuno ha riferito perdita dell'olfatto e del gusto.

"Abbiamo avuto un caso molto interessante, una bambina di circa sei anni con la febbre e il polso molto alto, e mi chiedevo se dovevo ammetterla. Ma quando l'ho seguita due giorni dopo, stava molto meglio", ha aggiunto Coetzee, parlando con il Telegraph.

La dottoressa sottolinea inoltre che si sa ancora molto poco sulla pericolosità di questa variante, che però l'OMS ha definito "preoccupante".

"Non sto dicendo che non ci saranno malati gravi", ma "per ora, anche i pazienti non vaccinati che abbiamo visto hanno avuto sintomi lievi", ha detto. Né i suoi pazienti né quelli trattati da altri medici sudafricani hanno avuto bisogno di ossigeno: pressoché in tutti i casi, i livelli sono rimasti stabili.

"Sono sicura che molte persone in Europa hanno questo virus, ma non è stato rilevato perché le persone hanno osservato gli stessi sintomi del Delta", ha aggiunto il medico.

Coetzee aggiunge però che gli effetti della variante omicron nei pazienti anziani sono ancora del tutto sconosciuti.

Perché è considerata una variante pericolosa?

Allora perché tutto questo allarme? E perché l'Organizzazione Mondiale della Sanità l'ha classificata automaticamente come una variante di preoccupazione?

Ciò che preoccupa della variante Omicron non sono tanto i sintomi quanto la velocità con cui si è diffusa. Il primo caso è stato rilevato il 9 novembre e la scorsa settimana tre quarti dei casi registrati in Sudafrica - circa 3.000 dopo un periodo con pochissimi contagi - erano già dovuti a questa variante.

Ma la principale incognita che circonda questa variante sono le sue molteplici mutazioni. Alcune delle quali inquietanti, secondo la terminologia dell'OMS, principalmente a causa del rischio di reinfezione. Ha anche mutazioni nella proteina S, o "spike", contenuta in tutti i vaccini attualmente disponibili.

Un'apparizione abbagliante

Coetzee ha allertato le autorità sanitarie nazionali il 18 novembre, segnalando "un quadro clinico che non corrispondeva al Delta", la variante dominante in Sudafrica fino ad allora. Gli ufficiali sanitari del paese non ne sono stati sorpresi, poiché il fenomeno era già oggetto di studio.

I ricercatori sudafricani hanno annunciato il 25 novembre di aver individuato la variante B.1.1.529, battezzata il giorno successivo Omicron dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) .

Ecco perché questa variante è stata rilevata anche a un tasso più elevato rispetto alle precedenti, secondo l'OMS.

Il rilevamento della nuova variante ha causato un'ondata di panico e molti paesi hanno deciso nel giro di poche ore di vietare l'accesso al proprio territorio ai viaggiatori provenienti dall'Africa meridionale.

Un altro fattore che spiega il boom di segnalazioni di questa variante è che può essere facilmente rilevata con alcuni test PCR, poiché non compare uno dei geni utilizzati per verificare la presenza del virus, il cosiddetto dropout del gene S, e dunque non c'è la necessità di sequenziamento genetico per determinare la variante.

Casi di Omicron sono stati segnalati da diversi paesi, tra cui Belgio, Italia, Gran Bretagna e Germania, principalmente da viaggiatori provenienti da paesi dell'Africa meridionale, anche se ciò potrebbe essere semplicemente dovuto al fatto che la variante viene sequenziata in casi sospetti piuttosto che in altri casi.

Il presidente sudafricano si è rammaricato oggi delle restrizioni ai viaggi, assicurando che non hanno basi scientifiche e che il Sudafrica viene penalizzato per essere stato reattivo e trasparente nel rilevare e comunicare la comparsa della nuova variante.